Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, ha confessato l'autore del duplice omicidio
I due fratelli uccisi da un pastore di 22 anni dopo un litigio

Filippo e Calogero La Monaca (di 74 e 76 anni) sono stati ammazzati con grosse pietre da Florin Scurtu lo scorso 14 giugno. Uno dei due cadaveri è stato trovato carbonizzato. Il 22enne ha ammesso le proprie responsabilità e spiegato il movente. Guarda il video

Redazione

Ha confessato di avere ucciso i due fratelli Filippo e Calogero La Monaca per un litigio legato a questioni di pascolo. Il pastore di 22 anni di origini rumene Florin Scurtu è stato arrestato per il duplice omicidio dello scorso 14 giugno in contrada Deliella, nel territorio di Caltanissetta. A carico del giovane erano già stati raccolti gravi indizi di colpevolezza e, il 26 settembre era stato fermato dai carabinieri del nucleo investigativo

Sopralluoghi, campionamento del Dna, immagini delle telecamere di videosorveglianza, analisi del traffico telefonico e accertamenti tecnico-scientifici effettuati dai Ris di Messina hanno portato a individuare l'autore del duplice omicidio dei fratelli La Monaca (di 74 e 76 anni) aggravato dalla crudeltà consistita nell'accanirsi sulle vittime con più colpi scagliati con grosse pietre, e avvalendosi della minorata difesa delle vittime, non solo per l'età avanzata ma anche perché il fratello maggiore, Calogero, era affetto da patologie motorie che ne limitavano la capacità di normale deambulazione. 

I due cadaveri sono stati trovati nella proprietà terriera della famiglia La Monaca nella tarda serata del 14 giugno (dai risultati medico-legali risulta che il duplice omicidio sarebbe stato commesso tra le 16.05 e le 18): quello di Filippo semicarbonizzato viene rinvenuto accanto a un’auto bruciata. Un’ampia chiazza di sangue con segni di trascinamento ha poi condotto i militari fino a un immobile dove era rinvenuto il cadavere dell'altro fratello. Sul posto sono stati trovati alcuni massi intrisi di sangue. Gli inquirenti hanno ricostruito che il delitto è avvenuto dopo un alterco.

Sulla portiera della Fiat Panda delle vittime sono state trovate alcune tracce di sangue che, dalle analisi, hanno determinato un profilo genetico misto attribuibile a due diversi individui di genere maschile. Dall’analisi è stato possibile rilevare due profili genetici: quello di Filippo La Monica e quello di Florin Scurtu. Inoltre, le risultanze dell’esame dei tabulati telefonici delle vittime e dell’indagato e delle immagini estrapolate da sistemi di videosorveglianza consentivano di acclarare la presenza del 22enne sul luogo del delitto e i suoi successivi spostamenti a bordo di uno scooter, poi abbandonato qualche giorno dopo nei pressi della campagna dei due fratelli La Monaca.

Il fermato era stato portato nella casa circondariale di Caltanissetta a disposizione dell’autorità giudiziaria. Ieri mattina il giovane, durante l’udienza di convalida, Scurtu ha ammesso le proprie responsabilità, riconducendo il movente a un litigio per questioni di pascolo. Al termine il gip di Caltanissetta ha convalidato il fermo, disponendo per l’indagato la custodia cautelare in carcere.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×