Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il sindaco di Castellammare interrogato per due ore
«Non posso dire nulla ma ho chiarito la mia posizione»

I contenuti dell'interrogatorio del primo cittadino Nicolò Rizzo, indagato nell'ambito dell'operazione Cutrara, restano riservati. «C'è il segreto istruttorio - spiega - Faremo chiarezza quando tutto terminerà, spero prima possibile»

Emanuel Butticè

«Ho chiarito in maniera dettagliata la mia posizione». Solo questo e poco altro si può sapere dell'interrogatorio del sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Rizzo, i cui contenuti restano, almeno per il momento, segreti. Il primo cittadino è stato ascoltato, per quasi due ore, dai pubblici ministeri perché è indagato nell'ambito dell'operazione Cutrara che ha portato all'arresto di 14 esponenti del clan locale per associazione mafiosa, estorsione, furto e favoreggiamento, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. Tra le persone finite in carcere c'è anche Francesco Domingo - detto Tempesta - ritenuto il vertice della famiglia

Accompagnato dal suo avvocato Giacomo Frazzitta, il sindaco è arrivato al Palazzo di giustizia di Palermo intorno alle 11. Lì è stato interrogato dai pm della Direzione distrettuale antimafia che hanno coordinato l'inchiesta, l'aggiunto Paolo Guido e i sostituti Francesca Dessì e Gianluca De Leo. «Nessuna dichiarazione - aveva detto il legale prima di entrare in tribunale - Prima parliamo con i magistrati, vediamo come va». Anche alla fine dell'interrogatorio, i contenuti sono rimasti riservati

«Sono stato interrogato e ho chiarito in maniera dettagliata la mia posizione. Per rispetto dell'istituzione che rappresento ma soprattutto di tutta Castellammare del Golfo, ribadisco di essere sereno - afferma Rizzo in una nota - poiché ho sempre lavorato in maniera trasparente nell'interesse esclusivo della mia città». 

Il primo cittadino ha dunque risposto alle domande dei pm sui fatti contestati ma ha chiarito che «poiché ci troviamo in una fase di indagine in cui vige il segreto istruttorio, non mi è consentito potere dichiarare nulla in ordine ai fatti che sono stati oggetto dell’interrogatorio». All'alba di ieri i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Trapani avevano perquisito sia l'abitazione che l'ufficio del primo cittadino. «Faremo chiarezza quando tutto terminerà - ha concluso Rizzo - Ci auguriamo prima possibile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×