Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, pubblicità sessista per vendere scooter elettrici
Valanga di commenti indignati, Comune diffida l'azienda

Nel capoluogo ibleo è comparso un cartellone dell'azienda Attrazione elettrica che ha scatenato la reazione di molti cittadini. La società lo difende e non intende ritirarlo ma il sindaco ha annunciato provvedimenti

Salvo Catalano

Un cartellone 6x3 e un post su Facebook con una donna seminuda, di schiena, a bordo di uno scooter e l'invito: «Vienimi dietro, sono elettrica». L'azienda Attrazione elettrica ha scelto questa pubblicità sessista per sponsorizzare la vendita di un nuovo scooter elettrico a Ragusa. Immagine che ovviamente ha scatenato una valanga di reazioni indignate e di accuse di sessismo e mercificazione della donna. 

Anche il sindaco di Ragusa Peppe Cassì è intervenuto, annunciando provvedimenti: «In merito alla vicenda del manifesto pubblicitario di cattivo gusto esposto in città, vi informo che abbiamo già inviato una segnalazione all’Istituto di autodisciplina pubblicitaria affinché adotti tutti i provvedimenti di propria competenza. L’istituto ha infatti sottoscritto un codice di autodisciplina che consente di bloccare e far ritirare le campagne sessiste o offensive a un apposito organo giudicante, il giurì della pubblicità. Al tempo stesso stiamo procedendo con una diffida per l’agenzia pubblicitaria. Essendo però convinto che l’obiettivo di chi ha predisposto il manifesto fosse proprio quella di creare clamore, eviterò di pubblicarlo e ogni ulteriore commento».

Dall'azienda - due punti vendita a Ragusa e Pozzallo - fanno sapere che non c'è intenzione al momento di ritirare la pubblicità, che farebbe parte di una strategia comunicativa più ampia e che in ogni caso non viene ritenuta un errore. Insieme ai legali, la società sta valutando quali iniziative intraprendere. Intanto la pagina Facebook dell'azienda è stata presa d'assalto da decine di utenti che lasciano commenti indignati: «Come mancare di rispetto alle donne e uccidere un buon prodotto con il sessismo. Dei geni sti pubblicitari», scrive Ornella. «Trovo che questo tipo di pubblicità sia un insulto all'intelligenza di eventuali acquirenti!», aggiunge Monica. Solo due degli oltre ottanta messaggi lasciati da donne e uomini. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×