Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il legame molto stretto tra l'istruttore e il giovane allievo
Gioele trasferitosi da Aosta a Catania per diventare pilota

Le due vittime della tragedia che si è consumata nelle campagne di Carlentini, dove si è schiantato l'ultraleggero, si conoscevano da tempo. L'istruttore Stefano Baldo era stato allievo del padre del ventenne, che a sua volta coltivava il sogno di volare

Salvo Catalano

C'è un dettaglio nella tragedia che si è consumata stamattina nelle campagne tra Lentini e Carlentini che mette ancora più i brividi. C'era un legame molto stretto tra Stefano Baldo, l'istruttore di volo, e il 19enne allievo Gioele Bravo, che sono morti insieme nello schianto dell'ultraleggero. Il padre del giovane, a sua volta pilota, conosceva bene Stefano che era stato suo allievo molti anni fa. E per lui nutriva profonda stima e fiducia. Al punto che il figlio si era trasferito da Aosta a Catania per diventare pilota seguendo proprio le lezioni di Baldo. 

Così stamattina, poco prima delle nove, istruttore e allievo sono saliti a bordo dell'ultraleggero dell'Aeroclub Catania e sono decollati dall'aeroporto Fontanarossa. «Quell'aeroplano volava costantemente - spiega a MeridioNews Stefano Arcifa, presidente del locale Aeroclub - è stato usato fino a ieri pomeriggio e non era stata riscontrata nessuna anomalia. Anzi, il motore era nuovissimo perché recentemente era stato sostituito». 

Qualcosa però, dopo una ventina di minuti, è andata storto. Il mezzo ha perso quota finendo per schiantarsi al suolo ed essere divorato dalle fiamme. L'impatto è avvenuto in contrada Ortonuovo, territorio di Carlentini. «Spesso i nostri piloti scelgono di sorvolare quelle zone, proprio perché ci sono prati e ampi spazi dove poter atterrare in sicurezza in caso di problemi», precisa Arcifa. 

Gioele era un classe 2000, nato ad Aosta. Mamma e papà sono entrambi piloti. E lui, oltre alla passione per il volo, coltivava quella per il ciclismo, in particolare per la mountain bike. Il ragazzo si trasferisce a Catania pochi anni fa, prima frequenta il liceo scientifico tecnologico Regina Maria Adelaide, poi, due anni fa, passa definitivamente all'istituto aeronautico Ferrarin di Catania dove quest'anno avrebbe dovuto diplomarsi. Grazie anche alla convenzione tra la scuola e l'Aeroclub, aveva iniziato a prendere lezioni per diventare pilota. «Era nella fase istruzionale - precisa il presidente Arcifa - quella durante la quale si insegna a prevenire determinati comportamenti dell'aeroplano. Il controllo del mezzo ce l'hanno entrambi, istruttore e allievo, perché ci sono doppi comandi». 

Stefano Baldo, 53 anni, lascia la moglie e due figli maschi, di cui uno minorenne. Prima di diventare pilota di Alitalia, era stato pilota militare nella Marina. «Una persona perbene, generosissima, disponibile, un amico vero - lo ricorda Davide Natoli, suo amico da vecchia data ed ex pilota di Alitalia - Aveva centomila pregi ed era sempre disposto ad aiutare gratuitamente». Da qualche anno teneva dei corsi teorici all'Aeroclub. Poi, dopo aver superato il corso, era diventato anche istruttore di volo. «Un professionista eccellente che non lasciava nulla al caso - aggiunge Arcifa - una garanzia per tutti noi».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews