Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Esondazione Dirillo, esclusa l'apertura della diga di Licodia
Esperto: «Ha piovuto molto, ma non in quantità eccezionali»

L'Eni, che gestisce l'invaso Ragoleto, ha escluso che all'origine della rottura degli argini ad Acate ci sia stato il rilascio di acqua. A confermarlo è il dirigente regionale Giuseppe Basile. La causa, dunque, va ricercata nella mancata manutenzione dell'alveo 

Valentina Frasca

Non è stata una esondazione grave come quelle del 2008 e del 2012, in occasione del ciclone Athos, ma anche stamattina si è temuto il peggio quando il fiume Dirillo, in territorio di Acate, ha rotto gli argini, allagando la statale 115 nel tratto compreso tra i chilometri 280 e 285 e facendo preoccupare non poco i tanti produttori che gestiscono le loro aziende agricole nella ricca vallata del fiume, cuore pulsante dell'economia di buona parte della Sicilia. Il sindaco di Acate Giovanni Di Natale, per tutta la mattinata, ha seguito sul posto l'evolversi della situazione e la carreggiata della statale è stata riaperta solo intorno alle ore 11.30 da Anas.

Sul posto hanno operato gli uomini della Protezione Civile di Acate e del Consorzio di Bonifica di Gela, insieme ai tecnici del Comune, ma indispensabile è stato l'aiuto dei produttori che, per ore, hanno disposto sacchi di sabbia in prossimità dei punti in cui il Dirillo ha rotto o ha rischiato di rompere gli argini. «Tramite il prefetto di Ragusa - ha fatto sapere il primo cittadino - ho interessato l'ente che gestisce la diga Ragoleto, ossia l'Eni, per evitare che rilascino acqua e aggravino la situazione. Il punto più critico è quello dove, anni fa, sono state realizzate le paratie che devono dirottare l'acqua verso il lago Biviere e che, anche se sono aperte al massimo, non permettono il deflusso libero dell'acqua del fiume perchè il letto non è pulito. La cosa paradossale è che in estate avevo allertato gli organi competenti, invitandoli a controllare che per il deflusso delle acque fosse tutto sotto controllo e ricevendo rassicurazioni in tal senso. Invece - ha concluso - ci ritroviamo di nuovo in questa situazione e ho dovuto chiamare mezzi meccanici per eliminare questo tappo e favorire il normale deflusso».

Per alcune ore, data la grande quantità di acqua che ha ingrossato il fiume, era stata ipotizzata anche un'apertura pariziale della diga di Licodia, smentita poi categoricamente da Eni. Può accadere, infatti, che, in condizioni di pericolo, sia necessario svuotare parzialmente l'invaso per non farlo tracimare, ma non è quello che sarebbe accaduto oggi. «Come centro funzionale non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione in tal senso», confema Giuseppe Basile, dirigente del Centro funzionale decentrato multirischio integrato della Regione Siciliana, che si occupa dell'elaborazione e pubblicazione degli avvisi di protezione civile per il rischio idrogeologico e idraulico. «Quando l'ente gestore decide di aprire parzialmente la diga - spiega Basile - ci sono procedure da attuare che si riferiscono al piano di gestione della diga (che viene discusso in prefettura), al documento di protezione civile del gestore e alle regole stabilite dall'ufficio dighe nazionale. Una di queste procedure prevede che il gestore ci faccia sapere che ha esigenza di scaricare, e noi ci attiviamo per darne comunicazione a tutti, in modo che gli enti preposti sappiano come comportarsi».

Ieri, come detto, non c'è stata alcuna comunicazione riguardante la diga Ragoleto. Resta in campo, dunque, solo l'ipotesi delle piogge abbondanti. Ma ha piovuto davvero così tanto, nelle ultime ore, da far esondare il Dirillo? A dare una risposta è Luigi Pasotti, responsabile dell'Unità operativa di climatologia, idrografia e idrologia della Regione Siciliana. «Le piogge sono state abbondanti - commenta - ma non eccezionali. La rete pluviometrica ci dice che nelle ultime 24 ore le due stazioni della zona della diga, che è ampia diversi chilometri, hanno registrato un dato che va dai 54 ai 69 millimetri. L'intensità è stata, certamente, elevata, ma non a carattere di nubifragio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews