Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Valle del Mela, piano per un'altra centrale termoelettrica
L'allarme degli attivisti sul progetto del colosso Duferco

Da un lato la buona notizia data ieri direttamente ai cittadini di San Filippo del Mela dalla milanese A2A che ha messo da parte l'inceneritore. Dall'altro però desta preoccupazione il piano, al vaglio del ministero, di un nuovo impianto industriale

Erika Bucca

Foto di: Questaitalia

Foto di: Questaitalia

Una notizia buona e una cattiva, o che quantomeno preoccupa. Nella Valle del Mela il tema ambientale tiene ancora banco su un duplice fronte: da una parte la società lombarda A2A Energiefuture, che avrebbe voluto realizzare il termovalorizzatore, ieri sera ha incontrato amministratori locali e attivisti e sembra avere deposto le armi, mettendo da parte il progetto dell'inceneritore a favore di un polo energetico integrato. Dall'altra però ecco affacciarsi sulla Valle del Mela un nuovo colosso dell'energia, la Duferco, che vorrebbe costruire un'altra centrale.

Ieri, nell’aula consiliare di San Filippo del Mela, si è tenuta un’assemblea a conclusione dell’iter di incontri che, da agosto ad oggi, A2A ha avuto con le amministrazioni, poi con i sindacati e infine con le associazioni per la tutela ambientale e del territorio. A illustrare il piano di riconversione e miglioramento del quadro emissivo sono stati, su invito del sindaco di San Filippo Gianni Pino, Giuseppe Monteforte, amministratore delegato di A2A, Caterina De Masi, ingegnere responsabile Sviluppo Impianti, Francesco Farilla, capo della centrale del Polo energetico Integrato. 

Lo scopo di A2A sembra essere adesso quello di  creare un polo energetico integrato che prevede: una centrale a ciclo combinato a gas di nuova generazione, l’impianto per la produzione di biometano alimentato da Forsu (Frazione Organica del Rifiuto), un impianto per il trattamento della plastica e un impianto fotovoltaico. Un investimento industriale significativo, stimolato sia dai vincoli imposti per la concessione per l’Aai (l'autorizzazione integrata ambientale) sia dagli incentivi per le energie rinnovabili, che rimane ancora lontano dal costituire un’alternativa green per il comprensorio che include anche Milazzo, centro ad alta vocazione turistica. 

«Il laborioso processo di liberazione della valle del Mela procede tra passi in avanti e nuove sfide - fa notare il Comitato dei cittadini contro l'inceneritore del Mela in una nota - La vittoria contro l’inceneritore ottenuta con l’impegno e la volontà di tanti cittadini rimane ancora insidiabile dai ricorsi di A2A contro la bocciatura dell'inceneritore e contro il piano paesaggistico. Non si comprende infatti perché se la società propone un nuovo piano di riconversione, continui a portare avanti iter difensivi a favore del vecchio progetto che prevedeva l’inceneritore».

Quindi il comitato lancia l'allarme sul possibile nuovo insediamento inquinante nella zona industriale. «La Duferco - sottolineano gli attivisti - ha avviato l’iter autorizzativo di un'altra centrale termoelettrica a poche centinaia di metri dalla già esistente di A2A. Il progetto si trova in atto sottoposto a verifica di assoggettabilità al ministero dell'Ambiente». Da qui l'invito alle amministrazioni a presentare osservazioni entro il 12 dicembre.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews