Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cuffaro convocato dalla commissione Antimafia
Il ritorno all'Ars per l'indagine sul ciclo dei rifiuti

La commissione regionale guidata da Claudio Fava sentirà l'ex governatore mercoledì prossimo. L'audizione si inserisce nell'approfondimento che i deputati stanno portando avanti sul tema rifiuti per cui sono già stati sentiti sindaci, dirigenti ed ex assessori

Salvo Catalano

Totò Cuffaro torna all'Assemblea regionale siciliana. Convocato dall'Antimafia regionale per un'audizione sul ciclo dei rifiuti che la commissione sta portando avanti da diverse settimane. L'appuntamento è stato fissato per mercoledì prossimo, 27 novembre, alle 14. 

La convocazione dell'ex presidente della Regione arriva al culmine di un primo ciclo di audizioni in cui sono stati sentiti dirigenti e assessori proprio degli anni di Cuffaro che quindi chiude il cerchio. Si proseguirà poi con l'approfondimento sui fatti relativi ai governi di Raffaele Lombardo e Rosario Crocetta e non è escluso che anche loro possano essere convocati dalla commissione guidata da Claudio Fava.

La prima dichiarazione di emergenza nel settore dei rifiuti risale proprio a Cuffaro. E l'Antimafia da lì è partita per provare a fare chiarezza su un sistema segnato dal monopolio di alcuni privati, dai gravi ritardi nella realizzazione degli impianti pubblici e da percentuali di differenziata imbarazzanti fino a un paio di anni fa e che tuttora restano fortemente deficitarie, soprattutto nelle città di Catania e Palermo. 

Prima di Cuffaro sono già stati sentiti sindaci, ex amministratori, funzionari della Regione ed ex assessori regionali. Ma l'ex presidente è figura che ha segnato profondamente il settore forse più disastrato degli ultimi 20 anni in Sicilia. Porta la sua firma, infatti, il contestato Piano rifiuti del 2002 che prevedeva la costruzione di quattro inceneritori nell'isola, un affare dietro cui si sarebbero celati interessi poco chiari. Piano poi bloccato da Lombardo. Da quel momento, però, in Sicilia sono stati i privati delle discariche e fare affari d'oro con la munnizza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews