Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vitalizi, l'abolizione salva-privilegio di Miccichè
«Togliamoli, così i giudici decideranno sui ricorsi»

Il presidente dell'Ars torna ad attaccare quella che, a suo dire, sarebbe soltanto l'ennesima espressione della demagogia. «Se a 60 anni non vieni più eletto, non trovi un altro lavoro»

Simone Olivelli

«Io non me la sento di mettere nella merda chi ha 80 anni e la badante. Non faccio il distruttore di vita». All'indomani dello scontro con Nello Musumeci, il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè torna ad attaccare quella che, a suo dire, sarebbe soltanto l'ennesima espressione della demagogia. Il tema è quello dei vitalizi, aboliti nel 2011 ma ancora in vigore per circa un centinaio di ex parlamentari regionali che ancora oggi percepiscono somme ragguardevoli per il loro passato all'Ars. Un privilegio che, a livello nazionale, è stato affrontato dal parlamento con il M5s che a metà mese ha festeggiato il raggiungimento di uno degli obiettivi più agognati in campagna elettorale. 

Nei territori, però, dovranno essere i consigli regionali ad approvare specifiche norme. Un impegno sollecitato dal governo centrale con la minaccia di ridurre i trasferimenti da Roma. La querelle in Sicilia vede l'Ars divisa tra chi - Forza Italia e Pd - ritiene di limitare i tagli a percentuali di poco superiori al dieci per cento e chi, come il M5s, pretende che si facciano scelte forti come nel resto del Paese. Sullo sfondo restano gli attriti tra il presidente della Regione, che si è detto d'accordo con la linea dura, e il presidente dell'Ars, che ieri ha lanciato la provocazione: tagliare per tagliare, si aboliscono e non ci si pensa più

La mossa di Miccichè in realtà ha un obiettivo preciso. E questa mattina è stato il diretto interessato a spiegarla nel corso di un intervento a Radio Time. «La Corte costituzionale è stata chiara e ha detto che i tagli possono essere fatti ma con criteri di ragionevolezza - ha detto il presidente dell'Ars -. E siccome Di Maio e Fico hanno un livello di cattiveria che io non ho, allora io i vitalizi li abolisco così i titolari faranno ricorso e a decidere sarà la magistratura». Per Miccichè, comunque, non si tratta di gattopardismo ma solo di difendere quanto ottenuto in maniera legittima da chi ha lavorato in un periodo in cui quello del politico era un mestiere. «Se a 60 anni non vieni più eletto, si smette non perché si ha voglia di andare in pensione e a quell'età un altro lavoro non lo si trova», ha continuato il commissario forzista.

Nel mirino restano i cinquestelle. «Questa cosa qui (il taglio dei vitalizi, ndr) è solo una punizione perché questi soldi non sarebbero risparmiati dai cittadini - ha attaccato Micciché -. Siccome questa è una legge demagogica, Fico ha dovuto prevedere che tutto quello che si risparmia va in un fondo utile a coprire i ricorsi che saranno persi. Siccome sanno che è una cosa incostituzionale, hanno paura e - conclude il presidente dell'Ars - vogliono evitare il danno erariale personale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews