Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La riserva del Biviere a rischio disastro ambientale
Plastica, rifiuti speciali e diossina minacciano il lago

A est di Gela si trova un paradiso naturalistico, oasi per centinaia di specie protette, ridotto a discarica. Il direttore Emilio Giudice lancia l'allarme: «Situazione drammatica, a rischio anche la falda acquifera». Guarda le foto

Jerry Italia

È una bomba ecologica ed ambientale pronta ad esplodere quella che circonda la Riserva orientata del Biviere. Il paradiso naturalistico a est di Gela, oasi per centinaia di specie protette, è seriamente minacciato da mani criminali che in questi anni hanno utilizzato le aree attorno alla Riserva per scaricare ogni sorta di rifiuto.

Tonnellate di plastica date alle fiamme e rifiuti speciali abbandonati ovunque, invadono le aree attorno al Biviere. Ma la situazione più preoccupante si trova proprio a nord dall’Oasi naturalistica, nelle campagne che portano lungo il corso del torrente Monacello. Basta abbandonare la strada provinciale ed immettersi nelle stradine di campagna e già dopo dopo qualche centinaio di metri la situazione diventa davvero drammatica. Nei campi attorno alle trazzere giacciono cumuli di rifiuti di ogni tipo, dagli scarti della lavorazione edile all’amianto, a tratti sotterrato nel terreno. Ancora pochi passi avanti e ci troviamo di fronte ai resti di rifiuti speciali, probabilmente sostanze usate nelle attività serricole, carbonizzate dalle fiamme e disperse nel terreno. Decine e decine di bidoni in plastica bruciati fanno capolino tra i cespugli. In questa zona è fortissimo l’odore di sostanze chimiche che emana dal terreno. 

«La situazione, per certi aspetti, è drammatica», spiega il responsabile della Riserva Emilio Giudice. A preoccupare sono soprattutto le condizioni del corso del torrente Monacello, ormai utilizzato per smaltire qualsiasi cosa, dalla plastica ai rifiuti speciali. All’interno del letto del torrente si trova di tutto: cataste di vecchi mobili, carcasse di frigoriferi, copertoni e soprattutto montagne di plastica usata per la copertura delle serre, spesso anche bruciata. Tutto materiale inquinante che, alla prima piena, andrà a finire nelle acque del lago, lì dove sfocia il Monacello. Una situazione che Giudice denuncia invano da tempo. 

Negli scorsi giorni, sono arrivati anche i tecnici di Arpa Siracusa, impegnati in un primo monitoraggio dell’intera zona. In più occasioni, anche nel corso dei tavoli tecnici al ministero dell’Ambiente, Giudice ha evidenziato sia l’inquinamento delle falde, causato da sostanze organiche, sia la massiccia presenza di diossina, prodotta dalle continue combustioni generate dagli incendi di rifiuti tossici. Un intero ecosistema potrebbe subire danni irreparabili, in una fase nella quale è ripresa la discussione pubblica sulla presenza dei vincoli, anche urbanistici. 

La situazione purtroppo si ripercuote anche nelle aree più a sud, nel territorio di Bulala. Lì dove sarebbe dovuta sorgere la spiaggia naturista, sognata dall’allora sindaco Domenico Messinese, i cumuli di rifiuti dati alle fiamme sono ovunque, così come i resti delle aziende serricole della zona. 

Giudice, intanto, in questi giorni si è recato a Roma al ministero dell’Ambiente, per chiedere che vengano applicati al più presto i piani di recupero già esistenti. L’iter delle bonifiche nel frattempo ha già subito un nuovo stop a causa dell’avvicendamento dei funzionari alla guida degli uffici regionali. Oggi però non c’è più tempo da perdere, a rischio c’è la falda acquifera e lo stesso Lago in cui il torrente Monacello confluisce. Se non si interviene subito, tra incendi e sversamenti illeciti, nell’area del Biviere, senza controlli, l’ennesima bomba ambientale è pronta ad esplodere da un momento all’altro.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×