Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Quattro falsi de Chirico esposti alla mostra di Noto
Sequestrate 26 opere, un indagato per contraffazione

Le indagini sono partite dalla denuncia del presidente della fondazione Giorgio e Isa de Chirico, che all'inaugurazione della mostra ha subito notato qualcosa di anomalo. Si è scoperto alla fine che i quadri falsi sarebbero ben 26. Guarda le foto

Redazione

Quei quattro quadri attribuiti a Giorgio de Chirico esposti a Noto non lo avevano proprio convinto. Quando Paolo Picozza, presidente della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, ha partecipato all'inaugurazione della mostra al Convitto delle Arti Noto Museum, ha notato subito che c'era qualcosa di anomalo. Opere sconosciute alla stessa fondazione, eppure esposte a nome del famosissimo pittore. È quindi scattata la denuncia che ieri ha portato al sequestro non solo di quelle quattro opere, ma di altri 22 quadri esposti alla mostra di Noto, sulla cui autenticità la Procura della repubblica di Siracusa solleva diversi dubbi. 

Sono stati i carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Siracusa a sequestrate le 26 opere d’arte falsamente attribuite ad artisti di fama internazionale. Le indagini sono quindi partite dalla denuncia di Picozza che ha manifestato perplessità su quattro quadri di de Chirico: Il Trovatore, 1952 (gouache), Studio neoclassico, 1950 (inchiostro su carta), Il Trovatore, 1952 (matita su carta), Il Grande metafisico (olio su tela). I militari hanno acquisito la documentazione di accompagnamento delle opere presso gli organizzatori dell’evento, l’associazione Sicilia Musei, che ha fornito le schede di prestito dei quattro de Chirico riconducibili a una società estera e a un privato italiano.

Per ottenere un giudizio sull’autenticità, la Procura della Repubblica di Siracusa ha nominato un proprio perito. Il C.T.U. ha esaminato di presenza tutte le opere della mostra e non solo ha confermato la falsità dei quattro de Chirico, ma ha rilevato la presenza di altri 22 lavori di dubbia autenticità. Si tratta di opere riconducibili a importanti artisti nazionali ed internazionali: Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Carlo Carrà, Fortunato Depero, Luigi Russolo, Pablo Picasso, Vasilij Kandinskij, Max Jacob, Hans Richter, Paul Klee, Joan Mirò e Salvador Dalì. I quadri in parte sono stati prestati da un terzo soggetto privato.

L'esame visivo ed i successivi approfondimenti bibliografici hanno aumentato le perplessità sull'autografia delle opere, al punto da richiedere approfonditi accertamenti rispetto alla tecnica, ai materiali utilizzati e alla rispondenza della produzione certa degli artisti ai quali fanno riferimento. 

Sulla base della relazione del C.T.U, il giudice per le indagini preliminarti del Tribunale di Siracusa ha quindi emesso un decreto di sequestro preventivo per le quattro opere a firma Giorgio de Chirico su richiesta della Procura. Quest'ultima, contestualmente, ha emesso anche un decreto di sequestro penale per le 22 opere di dubbia autenticità. Allo stato dell’indagine una persona risulta indagata; l’ipotesi di reato contestata è quella dell’art. 178 del D.L.vo 42/2004, cioè contraffazione di opere d'arte. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews