Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, 26enne rapina e violenta per ore una giovane
In passato autore di abusi. Polizia cerca altre vittime

A denunciare l'accaduto, assistita dai parenti, è stata il 3 settembre la giovane che la sera prima stava tornando a casa, dopo avere festeggiato il proprio compleanno a casa di amici

Redazione

Una richiesta di aiuto in mezzo alla strada in piena notte. L'auto che si ferma e un braccio che toglie un telefonino dalle mani della guidatrice e apre la portiera. È l'inizio dell'incubo vissuto, una settimana fa, da una giovane in provincia di Ragusa. La donna è stata violentata per ore, rapinata e minacciata di morte da un 26enne arrestato dalla polizia, nel cui recente passato c'è una condanna per una vicenda simile e il pesante sospetto che i casi possano essere più di uno.

A denunciare l'accaduto, assistita dai parenti, è stata il 3 settembre la giovane che la sera prima stava tornando a casa, dopo avere festeggiato il proprio compleanno a casa di amici. Agli agenti, chiamati dai medici del pronto soccorso di Vittoria, la ragazza ha raccontato quanto successo. Sin dal principio: l'aggressore si è piazzato al centro della carreggiata, sbracciando per chiedere all'auto di fermarsi. Una scelta obbligata data la ristrettezza del manto stradale. A quel punto, in pochi secondi, dalla richiesta di aiuto si è passati alle minacce e la vittima è stata costretta a spostarsi sul sedile passeggero. 

Secondo la ricostruzione, il 26enne l'ha condotta vicino al cimitero di Vittoria e qui le avrebbe preso il portafogli, rubandole 250 euro e tirando fuori la carta d'identità. Dopo avere letto i dati riportati sul documento, le avrebbe detto: «Adesso so tutto di te». E nuovamente l'avrebbe minacciato di morte. A quelle parole è seguita la violenza sessuale. Subito dopo, l'uomo avrebbe portata a Marina di Ragusa per sfogarsi su un presunto litigio avuto con la moglie la sera prima. Quindici minuti dopo, i due ritornano a Vittoria e a quel punto l'aggressore violenta nuovamente la vittima. Soltanto poco prima delle 5, il 26enne si fa accompagnare nei pressi della propria abitazione, lasciando la donna con le ultime minacce di morte. 

Le indagini della polizia sono iniziate al mattino e hanno portato in poche ore all'individuazione del responsabile, grazie alla descrizione della giovane. A suffragio del racconto ci sono anche alcune immagini delle telecamere di videosorveglianza che riprendono il percorso dell'auto con a bordo l'aggressore. Gli investigatori, inoltre, facendo irruzione nell'abitazione dell'uomo, hanno recuperato i vestiti indossati la sera prima e prelevato campioni biologici per confrontarli con quelli recuperati sull'auto della ragazza.

A fare scattare il fermo della polizia, poi convalidato dal giudice su richiesta della procura, è stato un tentativo di fuga del 26enne mentre si trovava in giro per la cittadina. Al fermo è poi seguita la custodia cautelare in carcere, dopo che l'uomo durante l'interrogatorio si è avvalso della facoltà di non rispondere. La sua posizione è aggravata da precedenti per fatti simili: l’anno scorso il 26enne era stato condannato per aver violentato e rapinato una donna residente a Ragusa. Anche in quella occasione l’aveva portata in un luogo isolato per poi abusare di lei, ma la vittima era riuscita a fuggire in un attimo di distrazione del suo aguzzino. Per questo motivo, gli investigatori sospettano possano esserci altre persone abusate. L'invito è quello di contattare gli uffici della Squadra mobile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews