Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, vittima dell'esplosione al mercato diventa mamma
«Io e Enea abbiamo dimostrato di essere due guerrieri»

Simona e Vincenzo hanno annunciato l'arrivo del piccolo. Lei era rimasta gravemente ferita dalle fiamme del 5 giugno. Quello stesso giorno, lui - carabiniere - ha ricevuto la medaglia al valore civile per avere salvato da una donna in una circostanza simile

Jerry Italia

Più forte dell’esplosione, più forte del terrore, più forte della paura di non farcela. Il cuoricino del piccolo Enea non ha mai smesso di battere forte nel pancione di mamma Simona, neanche dopo la terribile esplosione dello scorso 5 giugno, quando nel mercatino rionale di via Madonna del Rosario a Gelalo scoppio di una bombola trasformò una normale giornata di compere in una tragedia. Oggi Enea è venuto alla luce, mettendo fine a un incubo durato quasi due mesi.

Quel mercoledì di giugno le fiamme investirono una quindicina di persone tra gestore, lavoranti e clienti di un truck di gastronomia, che vendeva polli allo spiedo. Due di loro purtroppo morirono nei giorni successivi a causa delle ferite riportate. Simona, mamma di due bimbi e una gravidanza al nono mese, era tra le vittime più gravi. Trasferita d’urgenza al centro grandi ustioni di Palermo, ci è rimasta per più di un mese sottoponendosi a diversi interventi chirurgici, con un unico pensiero a darle forza: quel bambino che teneva in grembo e che aveva già un nome: Enea. Un nome da guerriero, scritto nel destino di questo piccolino che, nonostante le mille difficoltà, è venuto al mondo sano e forte per riportare il sorriso sul volto di mamma Simona e di papà Vincenzo, carabiniere che nella sua carriera si è contraddistinto per capacità e coraggio. 

Vincenzo, infatti, il giorno dell’esplosione sarebbe dovuto andare con Simona ad Agrigento. Era la festa dell'arma e l'appuntato scelto, lucano di origine ma ormai gelese di adozione, avrebbe ricevuto la medaglia di bronzo al valore civile. Una delle più importanti onorificenze per un carabiniere. Ed è proprio la motivazione dell’onorificenza che fa sembrare questa storia come uscita dalle pagine di un romanzo. Vincenzo, che stava per perdere la propria moglie tra le fiamme del mercatino, esattamente otto anni prima aveva salvato a sua volta una donna dalla furia del fuoco, in circostanze analoghe. 

Libero dal servizio, aveva notato le fiamme uscire da un appartamento al primo piano. Non aveva esitato a tirare il freno a mano e a lanciarsi in soccorso, riuscendo a portare al sicuro un'anziana inferma. Poi era risalito, stavolta con l'ausilio dei colleghi di una pattuglia fatta giungere sul posto, e aveva soccorso il resto della famiglia, intrappolata in un altro piano della palazzina. Un gesto che gli era già valso una prima medaglia, conferitagli dalla fondazione Carnege. Poi la decisione del comando generale di assegnargli quella più prestigiosa, la medaglia di bronzo al valore. Un premio che avrebbe dovuto ritirare proprio il giorno dell’esplosione. 

Un incubo durato fino a qualche giorno fa, quando il primo vagito di Enea vi ha finalmente messo fine. Dopo aver festeggiato in famiglia Simona e Vincenzo hanno voluto esternare la loro gioia attraverso un post su Facebook, sul loro profilo condiviso che è stato invaso da messaggi di auguri da centinaia di persone. A corredo un collage di foto con i piedini del piccolo Enea, terzogenito della coppia, il fiocco azzurro e il braccialetto della sala parto. «Avevo paura di tutto quello che mi circondava - scrive Simona - avevo paura, paura delle reazioni del mio corpo quindi di non farcela come le altre due volte, i dolori passati mi avevano fatto intimorire, la paura mi stava fregando, ma potevo mai arrendermi per dare alla luce proprio te? Mai».

«Abbiamo dimostrato di essere due guerrieri. Appena ti ho visto ho dimenticato tutto il resto, le mie paure si sono sciolte in un intenso abbraccio - conclude la giovane mamma, che cita la canzona La cura di Franco Battiato per dare il benvenuto al piccolo Enea - Sei un essere speciale, grazie per esserti preso cura di me». Adesso per questa famiglia il peggio è alle spalle, con il piccolo Enea tra le braccia tutto può ricominciare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews