Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Catania-Ragusa, Toninelli annuncia l'accordo con Sarc
«Non si pagherà pedaggio e presto apriremo i cantieri»

Il ministro delle Infrastrutture ha annunciato la chiusura della trattativa la famiglia Bonsignore, senza però scendere nei dettagli della somma che lo Stato dovrà versare al privato. Stoccata contro il governo regionale. «Nonostante Musumeci, abbiamo lavorato in silenzio»

Simone Olivelli

L'autostrada Ragusa-Catania non solo si farà con soldi pubblici, ma sarà anche gratuita per gli automobilisti. L'annuncio è arrivato dopo le 22 di ieri dal ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli

Un video su Facebook in cui non sono mancate le stoccate ai vertici del governo regionale, a partire dal presidente Nello Musumeci, che la scorsa settimana, ricevendo alcuni sindaci del comprensorio, si era lamentato della poca chiarezza che aveva accompagnato le trattative del ministero con la Sarc, la società della famiglia Bonsignore che da anni ha in mano la concessione per la realizzazione dell'arteria stradale. «Finalmente posso darvi l’annuncio per il quale lavoravamo duramente da mesi. L’autostrada Ragusa-Catania non costerà nulla per chi ci viaggerà sopra», ha detto Toninelli. Il ministro rivendica l'assoluta paternità del risultato. «Nonostante Musumeci e nonostante certe polemiche strumentali, abbiamo continuato a impegnarci in silenzio e siamo arrivati all'accordo che sblocca una infrastruttura ferma da oltre 30 anni. Anas rileva il progetto da Sarc e dunque l’opera si farà con risorse inserite nel contratto di programma della Società delle strade». 

Nei due minuti di intervento sul social network, Toninelli non si è addentrato sui termini dell'accordo con Sarc. Nello specifico non ha detto quanto lo Stato dovrà dare ai Bonsignore. In ballo, infatti, non c'è solo l'acquisto del progetto - per una cifra che potrebbe aggirarsi sui 20 milioni di euro - ma anche un indennizzo per gli utili che la società privata puntava a realizzare, anche grazie al pedaggio particolarmente esoso che il progetto prevedeva. Ovvero dieci euro a tratta, che la Regione aveva garantito di voler cercare di ridurre ulteriormente. Questi però, stando alle parole di Toninelli, sono discorsi che appartengono al passato. «Il modello di concessione che abbiamo voluto impostare porterà alla costruzione di questo cantiere in maniera molto più veloce», assicura il ministro, annunciando una prossima visita in Sicilia per poter stringere la mano a quei sindaci «che giustamente erano in apprensione in questi mesi».

In attesa di conoscere i dettagli sull'accordo tra Stato e privato, bisognerà capire che posizione assumerà la giunta Musumeci. Non solo di fronte alle stoccate provenienti da Roma, ma anche per quel che concerne la richiesta - più volte fatta presente - di un coinvolgimento del Consorzio per le autostrade siciliane (Cas) nella realizzazione della Catania-Ragusa. La volontà del governo nazionale, infatti, sembra essere quella di rendere assoluto protagonista Anas, lo stesso concessionario contro cui nei mesi scorsi il presidente della Regione si è scagliato a ripetizione, denunciandone le lentezze e la poca attenzione alle esigenze della Catania-Palermo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews