Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, nuove assoluzioni nel processo sulle autorizzazioni
Alla sbarra ex dirigente regionale Arnone e imprenditori

Il verdetto della Corte d'Appello di Catania, che ha confermato il giudizio di primo grado espresso dal tribunale di Caltagirone, è arrivato intorno alle 16. Al vaglio l'iter che ha dato l'ok ai lavori per la realizzazione delle antenne a Niscemi

Redazione

Tutti assolti, anche in secondo grado. La sentenza sulla presunta violazione delle norme ambientali e l'accusa di abuso edilizio nella realizzazione del Muos di Niscemi si chiude con la conferma del giudizio di primo grado. Alla sbarra c'erano l'ex dirigente regionale del dipartimento Ambiente Giovanni Arnone e tre imprenditori - Mauro Gemmo, Concetta Valenti e Carmelo Puglisi - che hanno lavorato all'interno della riserva naturale Sughereta, dove si trovano le antenne satellitari al servizio della marina militare statunitense.

Il verdetto della Corte d'Appello di Catania, nell'ambito del processo che si svolge con rito abbreviato, è arrivato intorno alle 16. Al vaglio dei giudici le autorizzazioni che hanno dato il la ai lavori effettuati in un'area che, secondo la procura, non avrebbe potuto ospitare il sito per via del vincolo di inedificabilità assoluta. Sulla stessa vicenda è in corso di svolgimento un processo con rito ordinario in cui sono imputati Adriana Parisi, Giuseppe Leonardi, Maria Rita Condorello.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews