Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Stromboli, Regione dichiara lo stato di calamità
Musumeci: «Servono 20 milioni per la sicurezza»

La giunta ha deliberato l'atto propedeutico a chiedere l'intervento dello Stato. Attenzione rivolta al rischio idrogeologico ma anche al punto d'attracco, che resta anche l'unica via di fuga in caso di nuove emergenze

Redazione

Dopo l'esplosione nel vulcano Stromboli, la Regione chiede aiuto al governo italiano. Il passo è stato ufficializzato oggi nel corso della riunione di giunta regionale, tenutasi a Catania. Il governo presieduto da Nello Musumeci ha dichiarato lo stato di calamità naturale in seguito ai fatti del 3 luglio. I danni sono stati quantificati dal dipartimento della Protezione civile in venti milioni di euro.

«Come promesso ieri durante il sopralluogo a Ginostra - dichiara Musumeci - stiamo intervenendo tempestivamente per riportare serenità tra gli abitanti e salvaguardare la loro incolumità e quella di tutti i turisti che frequentano l'isola delle Eolie. La relazione trasmessa a Roma fotografa puntualmente le prime, indispensabili, necessità finanziarie. E al di là della rimozione della notevole coltre di cenere, occorre avviare subito le opere necessarie per proteggere l'abitato, considerati i devastanti effetti sulla stabilità del territorio che l'eruzione ha provocato». 

A destare preoccupazione al momento sono anche le zone percorse dagli incendi che oggi sono esposte al rischio idrogeologico. Tra queste proprio la parte che sovrasta la frazione di Ginostra. «Almeno cinque milioni di euro - spiega il presidente della Regione - dovranno servire alla pulizia di tutti gli impluvi naturali, alla ricostruzione dei muretti a secco a sostegno degli antichi terrazzamenti, al consolidamento dei costoni e delle scogliere fronte mare che sovrastano lo scalo e alla piantumazione della vegetazione distrutta. Altri due milioni dovranno essere destinati al perfetto ripristino dei servizi essenziali. Impianti elettrici e telefonici compromessi dagli incendi. Mentre la maggior parte delle risorse occorrerà impegnarla per la messa in sicurezza dei versanti incombenti il porto e per garantire la possibile fruizione del pontile che a breve sarà interessato da lavori destinati a migliorarne la funzionalità». 

Attenzione particolare al porto. «Si tratta del punto d'attracco ed è a tutti gli effetti l'unica possibile via di fuga dall'isola e, per tale ragione, dovrà essere messo necessariamente al riparo da qualsiasi evento che ne possa - conclude Musumeci - compromettere un uso regolare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.