Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, Cascio sostituisce Bartolo all'ambulatorio
Da presidente dell'Ars a coordinatore del presidio medico

«Da maggio dell'anno scorso ho cominciato la mia seconda vita. Una esperienza straordinaria dal punto di vista umano e professionale». Francesco Cascio dopo 30 anni in politica è stato destinato nell'isola dall'Asp di Palermo

Redazione

Dal più alto scranno di sala d'Ercole quando era presidente dell'Assemblea regionale siciliana doveva dirigere i lavori d'aula con codici e regolamenti adesso si occuperà anche di migranti. «Da maggio dell'anno scorso ho cominciato a Lampedusa la mia seconda vita. Una esperienza straordinaria dal punto di vista umano, gratificante e appassionante dal punto di vista professionale». A parlare è Francesco Cascio, 55 anni, medico igienista dell'Asp di Palermo, una carriera politica alle spalle che lo ha portato a presiedere il Parlamento siciliano, oggi referente del poliambulatorio sanitario di Lampedusa al posto di Pietro Bartolo, tra i protagonisti del film "Fuocoammare", che lo scorso maggio è stato eletto tra le fila del Pd al parlamento europeo. 

Francesco Cascio a 21 anni era già consigliere comunale della Dc a Palermo, poi l'adesione nel '94 a Forza Italia, fino a diventare tra i "big" del partito di Silvio Berlusconi in Sicilia. È stato presidente dell'Ars dal maggio 2008 al dicembre 2012 e in precedenza anche assessore al Turismo e vice presidente della Regione Siciliana prima di aderire a Ncd e ad Alternativa Popolare di Angelino Alfano. "Sono qua nel poliambulatorio da oltre un anno nel ruolo di referente - racconta - in attesa di un incarico definitivo, ma questa è la scelta del direttore generale dell'Asp quindi io mi adeguo". 

La politica ha dato a Cascio anche tante amarezze: ha perso il seggio all'Ars da cui era decaduto a causa di una inchiesta per corruzione, prima di essere assolto definitivamente dall'accusa in Cassazione. Fino all'operazione "Artemisia" del marzo scorso su una superloggia massonica a Castelvetrano che è costata a Cascio gli arresti domiciliari dal 21 marzo al 5 aprile con l'accusa di favoreggiamento personale. Misura poi annullata dal tribunale del riesame.

"È una esperienza unica, ovviamente molto più coinvolgente di altre - dice Cascio - c'è la questione migranti, il rapporto con gli sbarchi che coordiniamo da punto di vista sanitario con le forze dell'ordine alle quali poi facciamo dei report. A Lampedusa vengo dieci giorni al mese ma qui mi sento a casa mia, qua ho tanti amici e sto bene".

(Fonte: Ansa)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews