Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Stromboli, nell'ultimo secolo altri parossismi mortali
Settanta persone lasciano Ginostra, la paura tsunami

Non è la prima volta che il vulcano causa morti. Il precedente più grave risale al 1930 a cui seguì lo spopolamento dell'isola. Intanto chi era presente ieri racconta i momenti terribili vissuti

Michela Costa

Stromboli, il lembo di terra più settentrionale della Sicilia, un'isola dal fascino selvaggio e primitivo che in estate attrae migliaia di turisti desiderosi di ammirare uno degli spettacoli naturali più emozionanti cui l'uomo possa assistere: le eruzioni vulcaniche. Sia lo Stromboli che l'Etna sono noti per la loro indole tranquilla : si tratta cioè di vulcani che, a differenza dei loro parenti indonesiani, giapponesi, o per non andare troppo lontano, del vicinissimo Vesuvio, si caratterizzano per eruzioni dallo stile effusivo (con emissione cioè di colate laviche) o debolmente esplosivo. Proprio questa loro natura pacifica e una facile accessibilità fanno sì che i due vulcani siciliani siano tra i più studiati, i più monitorati e i più visitati al mondo . In particolare lo Stromboli è soprannominato fin dall'antichità Faro del Mediterraneo, proprio perché con le sue continue eruzioni illuminava le rotte dei naviganti fin dalla notte dei tempi. 

Negli ultimi decenni il gigante buono e brontolone, Iddu, così come è chiamato affettuosamente dagli isolani, ha stretto un rapporto di fiducia sempre più stretto con i suoi turisti più fedeli, quasi di complicità, diventando una meta di intimo e mistico pellegrinaggio più che di una semplice escursione. A volte però questo legame viene messo improvvisamente a dura prova, come è accaduto ieri pomeriggio quando l'isola intera, i suoi abitanti e i turisti sono stati scossi da uno di quegli eventi che capitano raramente ma che, per la loro violenza, rimangono scritti nelle pagine di storia e nella memoria di chi, con quest'isola, ha scelto di convivere. L'evento che ha fatto parlare di sé ieri pomeriggio e che ha causato la morte di un trentacinquenne di Milazzo, è un evento raro ma non isolato. 

I parossismi, così come vengono chiamate in gergo scientifico queste violente esplosioni che interrompono l'ordinaria attività del vulcano, si sono sempre verificati a Stromboli e ne hanno segnato, nel corso dei secoli, sia la morfologia sia la storia . L'eruzione più celebre e catatrofica dello Stromboli, di cui l'uomo abbia memoria, è quella che risale all' 11 settembre 1930. Questa data segna uno spartiacque nella storia dell'isola e rappresenta l'inizio del grande esodo che presto avrebbe ridotto al 26 per cento la sua popolazione. La grande eruzione, così come poi sarebbe stata ricordata per sempre dagli abitanti dell'isola, fu annunciata dalla formazione di grossi cumuli di cenere e gas che si alzarono sopra il vulcano ai quali seguì un forte boato simile a una detonazione; quindi si susseguirono ripetuti lanci di materiale piroclastico fino ai due metri di diametro che, dai crateri, bombardarono il piccolo villaggio di Ginostra, sfondando i tetti delle case, bruciando i campi e uccidendo due persone. Contemporaneamente, dall'altro lato dell'isola, una fitta pioggia di cenere e lapilli investì gli abitati di San Vincenzo e di San Bartolomeo, mentre un'improvvisa nube di gas e materiale incandescente ricopriva con furia le piccole e semplici abitazioni, distruggendo la maggior parte delle coltivazioni e causando la morte di quattro isolani oltre a decine di feriti. 

Durante la stessa giornata la spiaggia di Ficogrande viene invasa da un'onda anomala di circa due metri e mezzo che si fa spazio per ben 200 metri e inghiotte altre due persone. Dopo quel disastroso evento molta gente abbandonò Stromboli, emigrando dai propri parenti in America e in Australia, sia per il timore di una nuova eruzione sia per la preoccupazione legata al duro periodo di carestia che si prospettava a causa della perdita totale dei raccolti; altri abitanti, invece, seppur turbati, decisero di rimanere e di rimboccarsi le maniche. Eppure non era di certo la prima volta che si assisteva un evento simile e qualche anziano aveva già vissuto un disastro analogo nel maggio del 1919 quando all'eruzione seguì di nuovo uno tsunami che devastò spiagge, imbarcazioni e, secondo alcune fonti, uccise quattro persone. 

A questi eventi seguirono periodi di forte preoccupazione durante i quali gli abitanti guardavano il vulcano con occhi diversi: tra gli eventi più segnanti si ricordano le eruzioni del 22 agosto 1941, del 3 dicembre 1943, del 20 agosto 1944, della primavera 1949 e del 20 ottobre 1950. Dei circa tremila abitanti che vivevano sull'isola prima della grande eruzione del 1930 ne rimasero poco più di seicento alla fine degli anni cinquanta, per lo più pescatori e contadini. Erano anni in cui le nozioni scientifiche erano estremamente scarse se non addirittura nulle e l'unico approccio che si aveva con le eruzioni era di tipo religioso, quando i fedeli confidavano nel poter arrestare una colata riunendosi tutti in una processione. 

Dal 1985, anno in cui è stato attivato il sistema di monitoraggio dello Stromboli, esperti provenienti da tutto il mondo si recano sull'isola dell'arcipelago eoliano per studiare e raccogliere dati sull'attività del vulcano. Il sistema di monitoraggio, nel corso degli anni, è stato ampliato e reso via via più efficiente ma ciò non basta a prevedere simili eventi che rimangono, purtroppo, improvvisi. L'evento di ieri pomeriggio è uno tra i più violenti registrati finora dal sistema di sorveglianza, così come ha affermato il direttore dell'Ingv di Catania , Eugenio Privitera. Anche negli ultimi anni si erano registrati eventi simili: basti pensare all'evento parossistico del 15 marzo 2007 e ancora prima a quello del 5 aprile 2003. In entrambi i casi si è verificata una forte esplosione accompagnata dall'espulsione di materiale piroclastico e dalla formazione di una nube di cenere e gas a forma di fungo che, dopo aver raggiunto una quota di circa 1150 metri di quota, si è riversata lungo i fianchi del vulcano causando diversi incendi nella vegetazione. 

Uno scenario simile a quello di ieri che, come raccontano alcuni testimoni , ha dell'apocalittico: «Un'esplosione violentissima che non ha lasciato nemmeno il tempo di capire cosa stesse succedendo», dichiarano alcuni dei turisti ancora sotto shock che hanno visto trasformare quella che era una vacanza in un pomeriggio di terrore. «C'era una colonna di fumo nero che fuoriusciva dal vulcano e metà dell'isola di Stromboli non si vedeva. Ci siamo rinchiusi nelle case e ne siamo usciti molto dopo», raccontano altri. E poi la consapevolezza di trovarsi su una piccola isola con tutto quello che significano i trasporti, l'impossibilità di scappare, gli incendi e i lapilli che continuano a cadere, la ricerca caotica degli aliscafi e quello sguardo sempre vigile sul mare, nel timore di scorgere qualsiasi segnale che potesse far presagire uno tsunami. Intanto già nella serata di ieri settanta persone sono state fatte evacuare da Ginostra: «Abbiamo paura e non vogliamo restare a dormire sull'isola», spiega una di loro.

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha osservato il ritorno alla normalità dei parametri geofisici; resta la presenza di un modesto trabocco lavico che al momento rimane confinato nella parte alta della Sciara del Fuoco.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.