Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Carola Rackete non sarà giudicata per direttissima
Attesa per la decisione della prefettura sulla multa

Esclusa la possibilità di giudicare con rito direttissimo la comandante della Sea Watch 3, che stanotte ha forzato i divieti arrivando fino alla banchina del porto di Lampedusa. Dall'ente del governo potrebbe arrivare una sanzione fino a 50mila euro

Simone Olivelli

Udienza di convalida ad Agrigento e non giudizio con rito direttissimo. Sarebbe questa la direzione verso cui si va nel caso di Carola Rackete, la comandante della nave Sea Watch 3, che la notte scorsa ha forzato i divieti delle autorità italiane, entrando dentro il porto e accostandosi alla banchina. La manovra, effettuata mentre una motovedetta della guardia di finanza ha tentato di frapporsi tra l'imbarcazione dell'ong tedesca e il molo, ha portato la procura di Agrigento ad accusare la giovane tedesca anche di tentato naufragio, oltre che la resistenza a nave da guerra. 

Intranto, mentre Rackete è uscita dalla caserma, l'attenzione si sposta verso ciò che decideranno le autorità. Sul fronte penale, tra lunedì e martedì, dovrebbe tenersi l'udienza di convalida del fermo della comandante. Non è ancora chiaro dove resterà in attesa di presentarsi davanti al giudice. Smentita al momento dai legali l'ipotesi di un giudizio per direttissima. La capitana, che già nei giorni scorsi si era detta pronta ad affrontare la giustizia italiane pur di riuscire a portare a terra i migranti costretti a restare in mare aperto per oltre due settimane, da poco è uscita dalla caserma. «Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti», è stato il commento del capo della procura Luigi Patronaggio.

»

A essere interessata dalla vicenda, per la prima volta non solo per la gestione dello sbarco e la collocazione dei migranti nelle strutture d'accoglienza, è anche la prefettura. L'ente territoriale del governo, che ad Agrigento è gudato da Dario Caputo, stando a quanto previsto dal decreto Sicurezza bis da poco entrato in vigore, ha la possibilità di avviare un'azione amministrativa nei confronti del comandante, dell'armatore e del proprietario della nave. La sanzione va dai 10mila ai 50mila euro. «Attendo la relata di notifica del provvedimento della guardia di finanza. Valuterò non appena avrò il provvedimento», ha commentato Caputo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.