Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Incendio Noto, 38 auto distrutte e tre danneggiate
L'area usata come parcheggio è un terreno privato

Le stesse vittime avrebbero confermato alle forze dell'ordine di avere trovato lo spiazzo privo di recinzione e di non avere pagato nessuno per parcheggiare. Al momento, non sono stati trovati elementi utili per determinare le cause del rogo

Marta Silvestre

Sono 41 le automobili rimaste coinvolte nell'incendio che ieri ha interessato un'area utilizzata come parcheggio vicino alla spiaggia di Eloro, nella zona di Marina di Noto (in provincia di Siracusa). Trentotto le macchine bruciate e distrutte, mentre altre tre sono state lambite dalle fiamme che le hanno danneggiate. Un terreno privato di circa duemila metri quadrati, che si trova nella zona di preriserva dell'oasi di Vendicari, privo di recinzione che era stato bonificato dal proprietario. 

Nello stesso lotto, in un appezzamento adiacente, è in costruzione un immobile e, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, l'area sarebbe stata sistemata per permettere ai camion e agli altri mezzi di accedervi con facilità per lo scarico dei materiali per i lavori di costruzione. I carabinieri di Noto, che stanno portando avanti le indagini, hanno già sentito alcuni dei turisti e dei bagnanti che hanno trovato le macchine ridotte in cenere. Le stesse vittime avrebbero confermato di avere trovato lo spiazzo aperto, non recintato, e di avere lasciato lì l'auto senza pagare nessuno per parcheggiare

Secondo una prima costruzione, le fiamme sarebbero partite da alcune sterpaglie e si sarebbero propagate lungo un canneto fino a colpire l'area nei pressi del parco archeologico. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Noto, di Palazzolo Acreide e anche un'autobotte di Siracusa. Oltre a loro, hanno partecipato alle operazioni di spegnimento il pronto intervento della forestale e la protezione civile netina. 

L'intervento dei vigili del fuoco - durato oltre cinque ore - ha evitato che le fiamme potessero propagarsi anche alle abitazioni vicine. Alcuni residenti della zona, in passato, avrebbero già denunciato la situazione potenzialmente pericolosa per la presenza di erbacce incolte. Due persone sono state soccorse dalle ambulanze del 118. Al momento, non sono ancora stati individuati elementi utili per determinare le cause dell'incendio

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.