Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, arrivati 100 migranti in tre diversi sbarchi
Sea Watch attende da 9 giorni: «Ipocrita messinscena»

I primi 81 sono sbarcati con un gommone dopo essere stati lasciati al largo da un peschereccio che stava tentando di fare rientro verso le coste del Nord Africa. La nave della ong invece resta ferma, e scatta la solidarietà a Lampedusa. Guarda le foto

Salvo Catalano

Sono complessivamente 100 i migranti approdati nelle ultime ore a Lampedusa in tre sbarchi consecutivi. I primi 81 sono sbarcati all'alba di stamane con un gommone dopo essere stati lasciati al largo delle coste dell'isola da un peschereccio che stava tentando di fare rientro verso le coste del Nord Africa. Tuttavia secondo la portavoce dell'Unhcr Carlotta Sami «ve ne sono altri 120 di cui non si sa nulla».

La nave madre è stata inseguita e bloccata da una motovedetta della Guardia di Finanza: l'equipaggio era composto da sette uomini: sei hanno detto di essere di nazionalità egiziana e un tunisino. Il peschereccio arriverà domattina intorno alle 6 al porto di Licata. Subito dopo si sono registrati altri due mini sbarchi, con 12 e 7 migranti, ma non è ancora chiaro se siano da ricondurre al peschereccio sequestrato. I 12 migranti sono arrivati direttamente a terra e sono stati bloccati dai carabinieri. Altri 7 sono stati intercettati in mare; tre si sono lanciati in acqua nei pressi di Cala Pulcino. Due sono stati subito recuperati, un altro è riuscito a fare perdere le proprie tracce. Ricerche sono in corso in questo momento sull'isola. 

Rimane invece ferma, a 15 miglia da Lampedusa, la nave della ong Sea Watch con a bordo 43 persone, salvate nove giorni fa. Il governo italiano si oppone allo sbarco. Proprio stamattina il ministro Matteo Salvini ha scritto al premier Giuseppe Conte e al ministro delgli Esteri Enzo Moavero, chiedendo di fare pressioni sull'Olanda, stato di cui batte bandiera la nave Sea Watch 3. «Ritengo necessario - afferma Salvini - che la perdurante efficacia del provvedimento di divieto di ingresso, transito e sosta della nave nel mare territoriale nazionale sia accompagnata da un'energica nuova iniziativa di sensibilizzazione nei confronti dell'autorità dei Paesi Bassi, quale stato di bandiera».

Mentre dalla ong stamattina twittano: «Con una motovedetta della Guardia costiera, questa notte a Lampedusa sono sbarcate 81 persone, partite dalla Libia. Intanto i 43 naufraghi a bordo di Sea Watch rimangono bloccati in mare al nono giorno dal soccorso. Quanto deve durare questa ipocrita e disumana messinscena?». Un medico a bordo spiega: «Fa sempre più caldo e c'è bisogno di cure mediche, hanno problemi di disidratazione, cosa su cui non possiamo intervenire. Abbiamo molte persone che hanno subito traumi e torture, con dolori incontrollabili, e hanno bisogno di supporto psicologico, si trovano in uno spazio molto ristretto e non possiamo prevedere come potranno reagire. Non parlo da medico, ma da essere umano: aiutateci a trovare un porto sicuro».

E proprio a Lampedusa scatta la solidarietà verso Sea Watch: don Carmelo La Magra, parroco di San Gerlando, chiesa dell'isola, ha dormito sulla piazza insieme ad altre persone. «Da ieri sera, sto dormendo sulla piazza della città e lo farò fino a quando i migranti non verranno portati in un luogo sicuro - ha spiegato a Vatican news - Insieme a me ci sono molte persone della mia comunità parrocchiale, della Federazione delle Chiese Evangeliche e non credenti. Non è una protesta, è un gesto di condivisione e di solidarietà con chi non ha nulla. È la speranza che spinge migliaia di persone ad abbandonare i propri Paesi in cerca di una vita migliore. Però molto spesso di speranza si muore. Il nostro mare pieno di cadaveri ne è testimone». Una risposta anche al messaggio dagli stessi migranti a bordo della nave ferma: due giorni fa avevano scritto, su fogli A4, la frase: «Don't forget about us (Non scordatevi di noi)».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.