Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ispica, raggirano e drogano una donna per rapinarla
Responsabili due avolesi, soldi rubati dal bancomat

La triste vicenda risale all’inizio dell’aprile di quest’anno quando una donna di Ispica di 54 anni, era stata gravemente raggirata da due soggetti, un uomo ed una donna molto scaltri e malintenzionati

Redazione

I Carabinieri della Stazione di Modica hanno dato esecuzione a due ordinanze di misura cautelare
emesse dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Ragusa, per il delitto di rapina aggravata a
persona, a carico di due soggetti di Avola. La triste vicenda risale all’inizio dell’Aprile di quest’anno quando una donna di Ispica di 54 anni, era stata gravemente raggirata da due soggetti, un uomo ed una donna molto scaltri e malintenzionati, che dopo aver carpito la fiducia della donna che vive sola ad Ispica, erano entrati in casa e probabilmente facendo uso di qualche sostanza soporifera l’avevano ridotta in stato di incapacità di rendersi conto della realtà circostante. Successivamente, l’avevano condotta presso un postamat dove la donna aveva prelevato pochi spiccioli, ma il tempo era stato sufficiente a far vedere ai malfattori il codice personale della carta.

Successivamente, sempre conducendo la donna tenendola sotto braccio, hanno ricondotto la donna presso la sua abitazione e l’hanno lasciata lì sopita. I due malafattori si sono recati nuovamente al bancomat e, conoscendo il codice pin, hanno eseguito diversi prelievi fino a prosciugare il conto della donna, per circa mille euro.

Le indagini serrate e complesse della Stazione di Modica erano iniziate lo scorso aprile, allorquando la figlia della donna aveva percepito come la madre fosse in stato di grave alterazione psichica, nonostante non avesse alcuna patologia, e sconosciuti avevano sottratto molto denaro dal conto corrente. I Carabinieri hanno intrapreso un percorso molto specializzato con personale formato appositamente per fermare delitti contro le fasce deboli, tanto da condurre la donna a rivedere tutti i video nei quali veniva ritratta mentre eseguiva i prelievi.

Successivamente, si è addivenuti all’identificazione dei colpevoli, da un lato con lo studio attento dei
video del postamat, dall’altro lato con la caparbietà e fiducia della figlia della persona offesa. I militari hanno rassegnato le risultanze investigative al Pubblico Ministero della Procura di Ragusa, dottor Scollo, che ha richiesta emissione di idonee misure cautelari personali agli autori del vile reato. I Carabinieri hanno pertanto, collaborati dai colleghi della Stazione di Avola eseguito l’arresto in custodia cautelare per Francesco Bellomo, avolese di 34 anni, e l’obbligo di dimora in Avola per la compagna dell’uomo di 31 anni. Le indicazioni operative tracciate dal Comando Provinciale di Ragusa sono state rinforzate in questo caso con la tutela delle fasce deboli, nonché si proseguirà con l’alimentazione della fiducia della
cittadinanza e con l’invito a denunciare i gravi delitti contro gli anziani.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.