Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Avola, prefetto invia commissione d'indagine al Comune
Ipotesi di condizionamento dell'attività amministrativa

L'ente è finito sotto la lente della procura con un'inchiesta che coinvolge anche il sindaco Luca Cannata, attualmente candidato alle Europee con Fratelli d'Italia. Il vicesindaco Massimo Grande si dichiara sereno: «Da sette anni massima trasparenza»

Redazione

Il Comune di Avola finisce sotto la lente d'ingrandimento della prefettura per l'ipotesi di scioglimento. La notizia è arrivata in serata, a renderla nota è stato l'organo territoriale del governo che ha inviato oggi la commissione che si occuperà della verifica degli atti amministrativi, per capire se emergono profili di condizionamento dell'operato pubblico. L'accesso durerà tre mesi, potenzialmente prorogabili di altri tre. 

In questi anni il Comune è finito più volte al centro dell'attenzione della magistratura. Risale al mese scorso la notizia dell'indagine sugli appalti pubblici gestiti dall'ente locale che vede coinvolti anche il sindaco Luca Cannata - in queste settimane impegnato nella campagna elettorale per le Europee nelle file di Fratelli d'Italia - e diversi dipendenti comunali, oltre a una serie di imprenditori che avrebbero ottenuto benefici. In tutto sono 18 gli indagati, i reati contestati sono truffa, turbativa d'asta, turbata libertà degli incanti e falso ideologico.

A finire al vaglio dei magistrati, due anni fa, sono stati invece fatti legati alla precedente amministrazione, quella guidata da Antonino Barbagallo. Coinvolto in quella indagine un ex assessore, oltre a funzionari, dipendenti e ancora una volta imprenditori. Le vicende in questo caso riguardano gli anni 2011 e 2012. Un discrimine indirettamente richiamato oggi dal vicesindaco Massimo Grande che si dichiara tranquillo: «Porte aperte al comune di Avola. Mi farebbe piacere comprendere quali siano i termini che hanno portato il prefetto e il ministro dell'Interno a decidere per l'accesso antimafia ma da sette anni siamo sempre stati trasparenti e questo potrà solo rafforzare la limpidezza della nostra azione amministrativa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews