Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Padrino mafioso per promuovere traghetti Corsica-Sicilia
Compagnia: «Spot sospeso, da ora solo video sulle bellezze»

La pubblicità è comparsa due settimane fa per presentare il nuovo collegamento con Trapani. Protagonista è don Vincenzo, che parla davanti a un piatto di spaghetti. La protesta del sindaco: «Servizi utili ma è inopportuno promuoverlo così». Guarda il video

Redazione

«Don Vincenzo, vuole farti vincere un viaggio in traghetto sulla sua isola, la Sicilia. Ma prima ascoltalo. Appuntamento il 19 aprile su Twitter. Fatti trovare, non deluderlo». Questo il tweet che, due settimane fa, è stato pubblicato dalla compagnia di trasporti marittimi Corsica ferries - società italo-francese - nell'ambito della campagna per pubblicizzare il nuovo collegamento tra l'isola francese a nord della Sardegna e Trapani.

Il servizio è iniziato da pochi giorni, ma a fare discutere è la scelta della società di promuoverlo con uno spot il cui protagonista ha tutti i tratti stereotipati del padrino mafioso. Don Vincenzo si trova seduto al tavolino di un ristorante, per il resto vuoto. Davanti a sé, un piatto di spaghetti. L'uomo è concentrato sul suo pasto e distoglie lo sguardo soltanto per guardare verso la telecamera e dire: «Pare che che tu voglia raggiungere i siciliani, ma a cosa sei disposto per venire a casa mia?».

Il messaggio ha suscitato le proteste del sindaco di Trapani Giacomo Tranchida e dell'assessora Rosalia D'Alì, che è anche presidente del distretto turistico della Sicilia occidentale  «La Sicilia non può e non deve essere identificata unicamente come terra di mafia. Soprattutto in chiave turistica - dichiara il primo cittadino -. Pur sottolineando l'importanza di tali collegamenti che rappresentano per il nostro territorio un momento di favorevole crescita turistica ed economica in un periodo storico certamente difficile, non possiamo non evidenziare l'oggettiva inopportunità di alcuni luoghi comuni contenuti in quello spot. La Sicilia non è solo mafia». 

Sul profilo Twitter di Corsica ferries compaiono anche alcune immagini animate, usate dai responsabili della comunicazione per interagire con gli utenti che hanno commentato il tweet. Uno di essi vede don Vincenzo allargare le braccia ed è accompagnato dal messaggio: «È la famiglia».

Nel pomeriggio, la stessa compagnia ha diramato una nota in cui annuncia la sospensione dello spot. «La compagnia ha preso atto delle reazioni negative allo spot Rejoins les Siciliens e per questo è dispiaciuta. Lo spot, che introduceva un concorso per il mercato francese, aveva il solo scopo di comunicare l’apertura della nuova linea da Tolone a Trapani, per Raggiungere i Siciliani - si legge -. Gli argomenti usati (buon cibo, buona musica, belle ambientazioni familiari) erano volti raccontare le peculiarità positive dell’Isola. La pubblicazione dei video - annuncia la società - è stata immediatamente sospesa». Poi la promessa: «Da qui in avanti la campagna prevede altri spot che esaltano le bellezze della Sicilia. Corsica Ferries crede nella nuova destinazione Sicilia e nelle sue potenzialità, legate alla cultura, all’ambiente, alla gastronomia e all’accoglienza - prosegue la nota -. Tale convinzione è supportata dall’andamento delle prenotazioni e, quindi, dalla reazione molto positiva del mercato soprattutto francese, al quale si rivolge».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.