Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Autostrade, è scontro totale tra il ministero e la Regione
Diffide al Cas dal 2007, ma ora c'è un piano di investimenti

Il ministro minaccia di revocare la concessione al consorzio autostrade siciliano e parla di 541 inadempimenti. Una lista che nel 2014 ammontava a 834 criticità. Sul tavolo del Mit, però, recentemente la nuova governance del Cas ha portato un piano per superarle

Salvo Catalano

Foto di: Gianfranco Nunzio

Foto di: Gianfranco Nunzio

Durante le prime 24 ore della visita di Toninelli in Sicilia, seppur con qualche flebile stoccata reciproca, il rapporto tra il ministro dei Trasporti e il governo regionale è rimasto nei confini della diplomazia istituzionale. Eppure il fuoco covava sotto la cenere. Da tempo. Così al secondo giorno il conflitto esplode ai piedi della frana di Letojanni che da oltre tre anni e mezzo tiene chiusa la carreggiata dell'autostrada A18 in direzione Catania. Toninelli, circondato dai deputati siciliani del Movimento 5 stelle e dai tecnici del ministero, denuncia tutta l'assurdità di un'autostrada rimasta incredibilmente ostaggio di una frana per troppo tempo. E apre lo scontro con il Consorzio autostrade siciliano, minacciando di revocare all'ente la concessione, visto che «rimangono 541 inadempimenti» mai sanati. Una fotografia vera, impietosa ma che non dice tutto. 

La storia recente del Consorzio autostrade siciliano - ente interamente controllato dalla Regione che per conto dello Stato gestisce 300 chilometri di autostrade nell'isola (la A18 Catania-Messina, la A20 Palermo-Messina e la Siracusa-Gela, operativa fino a Rosolini) - è segnata da numerose diffide da parte del ministero dei Trasporti, a partire già dal 2007. A dicembre del 2014 la Direzione generale per la Vigilanza sulle concessionarie autostradali mette in fila ben 838 non conformità e intima al Cas di provvedere a sanarle, pena la revoca della concessione. Ma da una verifica di settembre del 2017 i tecnici del ministero contano ancora 541 inadempienze non sanate. È questo il numero citato ieri da Toninelli. Si tratta soprattutto di criticità legate alla sicurezza degli automobilisti: buche, problemi a guardrail, segnaletica, illuminazione, gallerie. Da quella data il ministero ha chiesto un piano operativo per il loro superamento. Che, stando a quanto riferiscono dallo stesso ministero, è arrivato soltanto il 12 febbraio del 2019. E porta la firma della nuova governance voluta da Musumeci e insediatasi ad aprile del 2018, dopo che i precedenti vertici sono finiti indagati in diverse inchieste.

«Dare i numeri degli inadempimenti senza contestualizzare è solo manfrina - spiega Salvatore Minaldi, direttore generale del Cas - Mi sono insediato ad aprile del 2018 e al Cas non c'era nessun progetto: sfido chiunque a sanare 541 non conformità in poco tempo. Noi dobbiamo farlo giustamente rispettando le leggi: non posso fare affidamenti diretti e non posso chiudere l'autostrada. Altrimenti mi arrestano». Davanti ai tecnici del ministero, lo scorso 25 febbraio, Minaldi ha portato i numeri del 2018 - 22 milioni spesi per la manutenzione ordinaria «mentre nel 2016 e 2017 se n'erano spesi la metà» - e quelli per il piano di investimento del prossimo triennio: «120 milioni di manutenzione straordinaria e 40 di ordinaria». E ha garantito attività di monitoraggio dei viadotti sulla base di un protocollo sottoscritto con l’università di Messina.

Alcuni appalti fondamentali e già finanziati - la pavimentazione della A18 tra Giarre e Messina, quella sulla A20 da Rometta a Patti, l'installazione dei pannelli per i messaggi su entrambe le autostrade, la sostituzione dei guardrail sulla A18 - hanno dovuto attendere il via libera del provveditorato delle opere pubbliche, ente che dipende dallo stesso ministero. «Con questi lavori in un colpo solo annulleremo centinaia di inadempimenti, perché anche solo una buca è un inadempimento - spiega Minaldi - per questo dare numeri senza spiegare non ha senso». 

Nell'incontro del 25 febbraio il ministero è andato oltre il piano di investimento, chiedendo al Cas di sottoscrivere «senza indugio» una nuova convenzione aggiornata che recepisca «le attuali disposizioni normative». «Al momento - fanno sapere dal ministero - il consorzio non ha dato seguito alle richieste rappresentate nella riunione del 25 febbraio». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×