Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dall'amputazione della gamba alla Nazionale
«La gioia è vedere un campo e un pallone»

Salvatore La Manna dieci anni fa ha perso l’arto sinistro durante una missione militare in Libano. Lo sport, insieme alla sua famiglia, lo ha aiutato a reagire. Ad aprile parteciperà al primo campionato italiano di calcio per amputati. E pochi mesi fa è stato protagonista al Mondiale in Messico

Luca Di Noto

Foto di: Profilo Facebook Salvatore La Manna

Foto di: Profilo Facebook Salvatore La Manna

Una passione smisurata per il calcio, che neanche l'amputazione di una gamba è riuscita a fermare. La vita di Salvatore La Manna, 38enne palermitano, è cambiata dieci anni fa, durante una missione all'estero in Libano. «Ho avuto un incidente durante un pattugliamento. Si è capovolto il mezzo blindato su una strada disconnessa e mi è finito sull’arto sinistro. Sono rimasto un’ora e quaranta minuti in quel modo. A liberarmi è stato un libanese. Passava di lì col suo trattore e ha alzato il blindato di quei pochi centimetri che servivano». Da quel momento nell'esistenza di Salvatore è cambiato tutto: lo sport lo ha aiutato a reagire, fino a portarlo nella Nazionale disabili di calcio. E da aprile parteciperà con il Vicenza al primo campionato italiano per amputati.

La Manna è stato insignito anche con un’onorificenza per aver salvato la vita a un suo commilitone proprio durante l’incidente, facendolo scendere dal mezzo. A lui però non è andata così bene, è tornato a casa salvo ma con una gamba in meno: «Da un giorno all’altro la vita ti cambia. La frase può essere inflazionata, ma io lo penso veramente: la vita va vissuta minuto per minuto. Io, in quell’ora e quaranta, non sapevo se sarei tornato a casa».

Dopo l'incidente si trasferisce a San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone, dove tuttora vive: «Per 29 anni sono stato abituato a fare tutto con due arti, a un tratto ho dovuto affrontare un mondo che non conoscevo. Ma mi sono rimesso in gioco, dovevo capire come affrontare la vita e i più semplici ostacoli. Il mio carattere forte e l’aiuto della mia famiglia e mia moglie mi hanno permesso di prendere tutto molto positivamente, ma non nascondo che nel dolore ho sofferto tanto. Anche perché ho sempre giocato a calcio e mi dicevo “non riuscirò più a giocare”. Questa cosa mi ha bloccato non poco a livello morale». 

E invece è stato proprio lo sport ad aiutarlo a reagire. «Mi guardavo allo specchio dicendomi: “Salvo, ti è successo. O affronti la vita o ti butti su un divano e non fai più nulla”. E ho trovato la forza per andare avanti, nonostante le operazioni in ospedale al moncone per salvare il pezzo di gamba e anche per poter mettere una protesi. Da lì ho conosciuto il mondo sportivo per disabili, ho iniziato giù a Palermo con il basket in carrozzina, alla Panormus». Ma la nostalgia del calcio era troppo forte: «Ho saputo che c’era un ragazzo, Francesco Messori, che stava creando una squadra di calcio per amputati: si gioca con due stampelle e una gamba, le regole sono sostanzialmente come quelle del calcio. L’unica cosa che cambia è che se tocchiamo il pallone con le stampelle è fallo di mano. Si gioca a sette su un campo di 60x40, il portiere non può uscire dall’area, lui è l’unico ad avere le due gambe ma deve avere un braccio solo». Il richiamo è troppo forte per resistere e La Manna parte da Palermo per andare a Bologna dove supera il provino. «La mancanza del calcio per me era un buco nero, vedere un campo e un pallone è una gioia, fortunatamente sono entrato nella Nazionale Italiana che adesso fa parte della FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) con cui ho disputato un Europeo e due Mondiali».

E proprio pochi mesi fa si è giocato l’ultimo Mondiale in Messico: l’Italia è stata eliminata agli ottavi di finale dai futuri campioni del mondo dell’Angola: «Siamo andati bene, nel girone abbiamo battuto Ghana, Francia e Argentina. Nelle tre partite abbiamo preso un solo gol, io sto in difesa e sono molto soddisfatto». Ad emozionarlo è stata l'accoglienza dei bambini messicani, al pari delle star del calcio. «Volevano i nostri autografi o le foto. E pensare che il Messico è un Paese abbastanza povero, ma lì su questo sono più avanti di noi». 

Prevista, inoltre, una novità a livello nazionale a partire dal prossimo 27 aprile: «Da quest’anno ci sarà, per la prima volta, un campionato di calcio per amputati in tutta Italia. Siamo cinque squadre e io farò parte del Vicenza calcio. Chi vincerà il campionato andrà a giocare la Champions League con le prime delle altre nazioni europee. Io voglio vincerlo: tanti a 38 anni si ritirano anche con due gambe. Io ne ho una ma non nascondo che ancora ho tanta voglia di fare. Sto comunque cercando degli amputati tra Friuli e Veneto per realizzare una squadra di calcio proprio in Friuli, perché andare a Vicenza ad allenarmi mi pesa». Quello che sicuramente ha imparato è che «non bisogna sentirsi diversi dagli altri, sono gli altri che devono sentirsi diversi da te. I momenti negativi non mancano, ma in quegli istanti penso alle cose belle, a mio figlio, a mia moglie, ai miei genitori. Loro ti vogliono talmente bene che se tu soffri fai soffrire anche loro. Da qui – conclude infine La Manna – trovi inevitabilmente la forza per andare avanti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×