Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Basket, sorridono Orlandina e Ragusa
Brutte sconfitte per Agrigento e Trapani

La squadra di coach Sodini consolida la propria posizione in zona playoff battendo Legnano. La Fortitudo interrompe la propria striscia positiva, mentre i granata cadono a Tortona. Nel femminile, Ragusa espugna il parquet di Lucca e accorcia le distanze dalla vetta

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Orlandina basket

Foto di: pagina Facebook Orlandina basket

Si sono giocate le gare che hanno visto protagoniste le squadre siciliane di basket.

Serie A2
Benfapp Capo d’Orlando-Axpo Legnano 88-79
Terza vittoria casalinga in fila per i paladini, che al PalaSikeliArchivi regolano l’Axpo Legnano con il punteggio di 88-79. Subito botta e risposta tra Bortolani e Bellan, Bruttini impatta sul 4-4 ma Raffa tiene avanti gli ospiti. Il primo strappo, però, è di marca siciliana, con Bellan e Bruttini la Benfapp vola sul 13-7. L’Axpo prova a restare in partita, ma poi il duo Triche-Parks trova un parziale di 10-0 che consente ai biancazzurri di staccarsi. Legnano si sblocca con Serpilli, l’Orlandina però risponde e con i punti di Bruttini, Mobio, Parks e Mei arriva alla prima sirena sul 33-17. Nel secondo periodo i lombardi provano a ricucire il gap e si riportano a -12 (38-26). Bruttini sblocca i paladini, ma dall’altra parte Berra accorcia ancora. Parks riporta i padroni di casa sul +17, poi i punti di Bortolani, Raffa, Serpilli e Bozzetto riavvicinano gli ospiti, 51-40 a metà gara. La terza frazione si apre con l’inchiodata di Parks, ma cinque punti di Raffa consentono a Legnano di ridurre ancora le distanze sul -8. I biancazzurri provano però a prendere nuovamente il largo e con Triche, Mobio e Parks chiudono il parziale sul 69-58. Nell’ultimo quarto, Capo d’Orlando vola sul +15, poi l’Axpo trova un break di 0-10 che vale il 73-68. La gara è definitivamente riaperta, anche se dopo il time-out l’Orlandina ritrova la doppia cifra di vantaggio. Legnano non molla, ma Triche e la bomba di Parks portano i siciliani sul +11 per poi chiudere definitivamente con l’1/2 dalla lunetta di Bruttini per l’88-79.

Bertram Tortona-2B Control Trapani 89-82 Brutta sconfitta per la squadra di coach Parente e zona play off adesso distante quattro lunghezze per i granata. Pullazi apre le danze, ma i piemontesi rispondono subito portandosi sul 6-2. I padroni di casa continuano a condurre, anche se i siciliani restano in partita sempre grazie al solito Pullazi. Massimo vantaggio per la Bertram sul 22-14. Difese morbide e attacchi infuocate prima della prima sirena, i granata riescono ad accorciare grazie a Marulli e il punteggio è di 29-24 dopo dieci minuti. La seconda frazione inizia allo stesso modo, con le difese un po’ troppo rilassate. Si segna tanto da una parte e dell’altra, i padroni di casa allungano sul +7 con Garri. La squadra siciliana non riesce a ridurre il gap, ma resta comunque in partita, i piemontesi sono più precisi da oltre l’arco e a metà gara conducono per 46-38. Al rientro sul parquet, Trapani si riporta sul -5 con Miaschi, ma dall’altra parte risponde Spizzichini. La Bertram mantiene comunque il vantaggio e allunga con la tripla di Ndoja. I siciliani, però, si riavvicinano nel giro di qualche minuto con lo show personale di Clarke, ma il punteggio è un vero elastico, così Tortona allunga nuovamente alla terza sirena, 71-62. Nell’ultimo quarto, i siciliani si riportano a -6 con Marulli. Il risultato poi rimane invariato per qualche minuto, complici i molti errori in attacco di entrambe le squadre. Con poco più di quattro minuti da giocare, Tortona ritrova il +7 con Garri, ma Clarke trova una tripla che vale il 73-69. Trapani prova a riavvicinarsi, la Bertram però non molla e allunga nuovamente fino all’89-82 finale.

Fortitudo Agrigento-Bergamo 83-92 Si interrompe contro Bergamo la striscia positiva della formazione di coach Ciani (tre vittorie consecutive). I lombardi partono meglio con le incursioni d Taylor e Roderick, Guariglia dalla lunetta fa 2/2 dalla lunetta. La Fortitudo resta incollata al punteggio grazie a Bell che trova anche una tripla, ma Casella risponde con la stessa moneta, 21-26 dopo i primi dieci minuti. Nel secondo periodo, subito botta e risposta, poi Sousa trova la tripla del momentaneo -1 e Cannon consente ai siciliani di mettere il naso avanti. L’ex Zugno riporta avanti Bergamo con una tripla, poi i lombardi allungano arrivando anche a toccare il +11 prima di una semirimonta di Agrigento con la bomba di Bell, 39-46 all’intervallo lungo. Al rientro sul parquet sono ancora gli ospiti a condurre le operazioni, ma la Fortitudo non molla e rifiata con i punti di Sousa e la tripla di Pepe. La formazione di coach Ciani è decisa a non mollare e il canestro di Ambrosin permette ai biancazzurri di accorciare ancora, 61-67 alla terza sirena. Nell’ultimo quarto tripla di Casella a cui risponde subito Bell. Taylor riporta gli ospiti sulla doppia cifra di vantaggio, poi Sousa e Pepe accorciano sul 70-75. Bergamo resta avanti, ma Agrigento non molla, poi dalla lunetta Taylor fa 1/2, mentre Pepe è più “chirurgico”, ma a chiudere i conti sono poi gli ospiti sull’83-92.

Serie A1 femminile
Gesam Gas&Luce Lucca-Passalacqua Ragusa 61-74
Successo esterno importantissimo per la squadra iblea che espugna il parquet delle toscane, resta in terza posizione ma adesso è a due sole lunghezze dal duo di testa occupato da Venezia e Schio. A partire meglio sono le padrone di casa che attente e concentrate riescono ad accumulare un discreto vantaggio dopo qualche minuto, 14-8. Per le siciliane è però Romeo a togliere le castagne dal fuoco con sette punti consecutivi, così alla prima sirena il punteggio è di 18-20. Nella seconda frazione la Passalacqua prova a scappare, ma la Gesam resta attaccata alla Passalacqua grazie soprattutto all’apporto di Le Mura che regala alla sua squadra la parità a quota 35. Ragusa però non ci sta e si stacca nuovamente, 35-39 a metà gara. Al rientro in campo, le biancoverdi trovano un grandissimo parziale (0-18) che permette loro di scappare sul 35-57, con Harmon in grande spolvero. Lucca prova a reagire come può e trova soltanto quattro punti nella terza frazione che si chiude sul 39-59. A Ragusa non resta altro da fare che amministrare il vantaggio, anche se le padrone di casa dimezzano il gap a metà dell’ultimo quarto grazie a Serventi e Orazzo. Per le biancoverdi, però, sono Hamby e Moreo a essere incisive sotto canestro, così le siciliane la chiudono sul definitivo 61-74.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×