Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, semaforo verde tra le polemiche per il bilancio
Armao difende norma, Pd e 5S: «Macelleria sociale»

Seduta sospesa e aggiornata al prossimo 11 febbraio per proseguire con l'esame della Finanziaria. Bilancio molto tecnico, sforbiciate pressoché in tutti i settori dell'amministrazione. Il vicepresidente: «Con 244 milioni in più saremmo stati qui a parlare di contenuti»

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Una seduta che rimane «tecnicamente aperta» e che viene sospesa fino al prossimo lunedì 11 febbraio alle 16. Si chiude così il primo round della maratona in Assemblea in vista della fumata bianca per la sessione di bilancio. Intanto, a incassare l'ok, è l'articolato della finanziaria regionale, in una seduta travagliata in cui le opposizioni hanno chiesto con insistenza una proroga dell'esercizio provvisorio, per consentire al governo di rinegoziare gli accordi con Roma e spalmare in trent'anni il disavanzo da due miliardi di euro. Per questa ragione la seduta è stata più volte sospesa, arrivando anche a convocare la conferenza dei capigruppo su richiesta del Pd e del M5s.

La richiesta delle opposizioni restava la medesima: prendere tempo e chiedere a Roma la possibilità di spalmare in trent'anni anche i 546 milioni di disavanzo rimasti fuori dall'accordo che ha invece consentito al governo Musumeci di potere rateizzare sul bilancio regionale, sempre sulla stessa durata, 1,6 miliardi di disavanzo, prodotto dai precedenti governi. Sul 2019, la quota di disavanzo da contabilizzare ammonta a 244 milioni, con conseguenti tagli al bilancio definiti dalle opposizioni «macelleria sociale» e «lacrime e sangue».

A difendere la manovra è stato proprio il titolare dell'assessorato all'Economia, Gaetano Armao, che ha smorzato i toni sulle responsabilità dei suoi predecessori, sottolineando come con 244 milioni in più «saremmo stati qui a parlare di contenuti, non di macelleria sociale». Armao ha anche riconosciuto lo spirito collaborativo del governo centrale, in particolare del ministro Tria, annunciando anche all'Aula l'ipotesi di un «decreto legge sulle Autonomie locali, che qualora venisse approvato, conterrebbe la possibilità di spalmare in trent'anni anche le somme da recuperare subito». Ma al momento, insomma, il bilancio andava approvato così com'è, con tagli e sforbiciate pressoché dappertutto.

Soddisfatto il Pd che «nel buio di un bilancio ‘lacrime e sangue’, è riuscito a fare approvare un emendamento che rafforza il finanziamento alle società sportive minori». Secondo i deputati dem, «ogni euro speso per permettere ai giovani siciliani di praticare sport, è un euro ben speso».

Parlano di «bilancio lacrime e sangue di cui faranno le spese i siciliani» anche i deputati M5s. «Esa, consorzi di bonifica, trasporto pubblico locale e disabili, solo per fare qualche esempio sconteranno colpe, di cui, come al solito, non si conosceranno mai i colpevoli - dicono -. Siamo di fronte a un governo senza strategie e senza soluzioni, che si appiglia soltanto alla benevolenza del governo nazionale per tirare a campare. Comunque - concludono i parlamentari 5stelle - Musumeci può dirsi contento: sta portando a casa il grandissimo risultato di limitare l’esercizio provvisorio a un solo mese. E per questo esecutivo del nulla è già tantissimo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×