Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio Avola, perizia psichiatrica su Lanteri 
«Quando ha agito era parzialmente incapace»

I risultati della neuropsichiatra sono stati depositati durante l'incidente probatorio. Il 19enne, accusato di avere ucciso l'ex suocera, non era presente. «È emerso - dice il legale a MeridioNews - che ha un'epilessia post-traumatica e ha bisogno di cure adeguate»

Marta Silvestre

«Al momento dei fatti Giuseppe Lanteri era parzialmente incapace di intendere e di volere». È questo il risultato della perizia psichiatrica depositata, questa mattina durante l'incidente probatorio, dalla neuropsichiatra catanese Elettra Cultrera nominata, lo scorso novembre, dalla giudice per le indagini preliminari del tribunale di Siracusa, Carla Frau. A questa conclusione la specialista è giunta dopo le operazioni peritali, fatte di esami e colloqui, sul 19enne avolese accusato di aver ucciso con cinque coltellate l'ex suocera Loredana Lopiano lo scorso 27 settembre sull'uscio della sua abitazione ad Avola.

Il ragazzo che si trova attualmente detenuto al terzo piano nella sezione protetti del carcere di Siracusa, questa mattina ha preferito non essere presente durante l'udienza. «Dalla relazione depositata dalla neuropsichiatra - chiarisce a MeridioNews il legale difensore del 19enne, Antonino Campisi - è emerso, inoltre, che al mio assistito è stata diagnosticata anche una epilessia di secondo grado post-traumatica, una patologia che può nascere da un trauma infantile che rende un soggetto più debole mentalmente». 

Durante l'udienza di convalida del fermo per l'ex fidanzato della figlia dell'infermiera avolese, l'avvocato ha presentato la documentazione medica dell'anno scorso in cui si attesta che il ragazzo è affetto da epilessia e da una patologia che ha gravi ripercussioni sulla memoria, in particolare nelle fasi precedenti un attacco epilettico. «In passato - aggiunge il legale - Lanteri è anche stato in cura da psicologi e psichiatri per gli alcuni episodi di svenimenti». Nella parte conclusiva della consulenza con cui si accertano le condizioni di sanità mentale, la neuropsichiatra annota che il giovane ha «necessità di un trattamento terapeutico adeguato con supporto psicologico e un monitoraggio neurologico costante». 

A fine settembre, l'avvocato aveva già chiesto la sostituzione per il 19enne della detenzione con gli arresti domiciliari in una struttura specializzata. La richiesta, però, non era stata accolta dalla gip. «Stando a quanto si legge nella perizia - conferma Campisi - io credo che le condizioni di salute di Lanteri siano incompatibili con il regime carcerario. Rispetto ai mesi precedenti sembra un po' migliorato ma non riesce a superare un'empasse. È consapevole di sé al cinquanta per cento, non ricorda quello che ha fatto, rimuove quei momenti». Adesso si attende l'esito di ulteriori indagini che riguardano accertamenti irripetibili su oggetti sottoposti a sequestro: cellulari, tablet e altri strumenti tecnologici e di comunicazione.

Davanti al giudice per le indagini preliminari, lo scorso 29 settembre, Lanteri ha raccontato di essersi appostato davanti casa della ex ragazza per chiarire alcuni aspetti sugli strascichi della fine della loro relazione, durata tre anni e finita lo scorso marzo. Il 19enne avrebbe avuto l'intenzione di ribadire di essersi rassegnato alla fine della relazione. Delle cinque coltellate inflitte alla mamma della sua ex fidanzata ha detto di non ricordare nulla e non è riuscito nemmeno a ricostruire la dinamica e i motivi dell'aggressione. Dopo aver fatto perdere le tracce di sé per l'intera giornata, il giovane è stato ritrovato e arrestato dalla polizia, poco dopo la mezzanotte, sugli scogli del lungomare di Avola

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×