Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio Avola, l'ex suocera colpita con cinque coltellate
Lanteri non ricorda aggressione. Legale: «È sotto shock»

È l'autopsia fatta oggi sul corpo dell'infermiera Loredana Lopiano a dare fornire ulteriori dettagli. Decisivo il colpo alla carotide. Il 19enne ha raccontato di essere andato per un chiarimento. L'avvocato annuncia: «Chiederò perizia psichiatrica»

Marta Silvestre

Un colpo mortale ha reciso la carotide della donna, e non le ha dato tempo e modo di difendersi. Ma le coltellate inflitte dell'assassino di Loredana Lopiano, l'infermiera di 47 anni di Avola uccisa giovedì mattina nella sua abitazione dall'ex fidanzato di una delle due figlie, sono state cinque: alla guancia, al viso e alla nuca dove si è spezzata la lama quando, ormai, la vittima era già deceduta. È quanto emersa oggi, al termine dell'autopsia eseguita dal medico legale Corrado Cro, incaricato dal pubblico ministero Tommaso Pagano che coordina le indagini. 

Per l'omicidio la polizia ha fermato l'ex fidanzato della figlia più piccola della vittima, il 19enne Giuseppe Lanteriil cui arresto è stato convalidato oggi. Nel racconto che il giovane, resosi irreperibile per le prime ore dopo il delitto, ha fatto davanti al giudice per le indagini preliminari sono emersi dettagli nuovi rispetto all'interrogatorio reso dopo l’arresto. «Il giovane - spiega il suo legale Antonino Campisi, che era presente davanti al gip - ha specificato in modo più lineare alcuni passaggi già rivelati, ma in modo più confuso, durante l'interrogatorio la notte stessa dell'arresto». 

Lanteri ha raccontato di essersi appostato davanti casa della ex ragazza per chiarire alcuni aspetti sugli strascichi della fine della loro relazione, durata tre anni e finita lo scorso marzo. Il 19enne avrebbe avuto l'intenzione di ribadire di essersi rassegnato alla fine della relazione. «Non è ancora del tutto lucido - precisa l'avvocato - né pienamente cosciente, perché è ancora sotto shock. Ha raccontato del suo stato di nervosismo prima di andare a casa della famiglia della ex. Sul momento critico, invece, ha un vuoto totale: non ricorda di aver accoltellato l'ex suocera ma solo di averla vista direttamente a terra. Il giovane ha anche aggiunto - dice il legale - di avere visto la ex fidanzata scendere dalle scale quando la donna era già sul pavimento. La ragazza avrebbe avuto il cellulare in mano e lui vedendola le avrebbe solo detto "lascia stare", prima di scappare per passare a casa della nonna a cambiarsi in parte i vestiti e poi nascondersi vicino al mare». 

Rimane rannicchiato sulla sedia mentre il giudice lo interroga, guarda nel vuoto, versa molte lacrime e prova a metabolizzare le domande prima di rispondere. È così che l'avvocato Campisi descrive il suo giovane assistito. «Spero lo aiutino gli educatori e gli psicologi in carcere - dice - anche perché ho presentato della documentazione medica in cui è accertato che il ragazzo è effetto da epilessia e anche da una patologia che ha gravi ripercussioni sulla sua memoria, in particolare nelle fasi precedenti un attacco epilettico. Insomma, in generale - dichiara il legale - la situazione psichica del ragazzo pare problematica. Ho già avanzato al giudice la richiesta di sostituzione della detenzione con gli arresti domiciliari, magari in una struttura specializzata. Chiederò - conclude - anche che venga fatta una perizia psichiatrica».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×