Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci commissiona sondaggio sul suo operato
Affidato all'istituto Demopolis, costerà 24mila euro

Il presidente della Regione ha ordinato un'indagine «che dia contezza del gradimento dell'azione di governo per l'anno 2018 e le priorità dei siciliani per l'anno 2019». Il sondaggio servirà anche per «calibrare le attività istituzionali e le scelte del governo»

Salvo Catalano

«Abbiamo comunicato molto male quanto abbiamo fatto». Il 7 dicembre, in occasione della presentazione del report sul primo anno di governo, il presidente Nello Musumeci ammetteva ai giornalisti il rammarico per quello che veniva riconosciuto come un deficit di comunicazione. Per il governatore siciliano il consenso della gente che lo ha eletto non è cosa di poco conto. Anzi. E dopo il mea culpa sull'aspetto comunicativo, ha deciso di passare al contrattacco. La vigilia di Natale Musumeci ha ordinato un sondaggio - che costerà 24mila euro - da affidare all'istituto Demopolis per capire cosa ne pensano i siciliani del suo operato.

«Uno studio specifico - si legge nel decreto presidenziale - che dia contezza del gradimento dell'azione di governo per l'anno 2018 e le priorità dei siciliani per l'anno 2019». L'istituto Demopolis di Palermo dovrà consegnare i risultati entro sessanta giorni. Il documento indica anche su cosa dovrà puntare l'indagine: «Un'analisi dell'opinione pubblica sui grandi temi e sugli interventi ritenuti necessari, per rispondere in modo adeguato e qualificato alle attese del cittadino e calibrare le attività istituzionali e le scelte del governo». Il sondaggio costerà 24.156 euro, somma che graverà sul capitolo di bilancio della Regione creato a inizio 2018 dal governo per coprire «spese per pareri, studi, indagini, rilevazioni e per speciali incarichi», assegnato al dipartimento della Funzione pubblica e del personale. 

A inizio dicembre un sondaggio del quotidiano La Sicilia indicava come in quel momento solo il 27 per cento dei siciliani avrebbe votato nuovamente Musumeci. Uno scarso gradimento che avrebbe irritato non poco il governatore. Poi a stretto giro arrivò la replica: «Non ci meraviglia. Non siamo stati eletti per fare fuochi d’artificio, ma per realizzare quello che nessuno aveva fatto prima di noi, in una Regione che detiene il triste primato di essere in coda a tutte le altre». A distanza di venti giorni, è lo stesso presidente a voler testare il polso dei siciliani, sperando in un risultato diverso. Tra fine febbraio e inizio marzo l'elaborato sarà sul tavolo del governatore che potrà tenerlo per sé o renderlo pubblico. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×