Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Montante e altri 5 verranno giudicati col rito abbreviato
L'avvocato: «Finora nessuna prova sulla sua responsabilità»

Per l'ex numero uno di Sicindustria non ci sarà la fase dibattimentale ma verrà giudicato sulla base di quanto raccolto nella fase delle indagini preliminari. La prossima udienza è fissata il 15 novembre

Salvo Catalano

Foto di: il fatto nisseno

Foto di: il fatto nisseno

Antonello Montante, l'ex numero uno di Sicindustria, verrà giudicato con il rito abbreviato. La giudice per l'udienza preliminare ha accolto la richiesta dei due legali Nino Caleca e Giuseppe Panepinto. «Abbiamo deciso così perché riteniamo che finora non siano state raccolte prove sulla responsabilità del nostro assistito», sottolinea a MeridioNews Panepinto. Per Montante quindi non ci sarà la fase dibattimentale ma verrà giudicato sulla base di quanto raccolto nella fase delle indagini preliminari. La prossima udienza è fissata il 15 novembre. 

Insieme a Montante altri cinque imputati di questo primo filone sulla presunta rete di corruzione finalizzata a spiare le indagini della Procura di Caltanissetta, verranno giudicati col rito abbreviato. Si tratta di Andrea Grassi, appartenente allo Servizio centrale operativo della polizia; Gianfranco Ardizzone, ex comandante provinciale della Guardia di finanza di Caltanissetta; Marco De Angelis, funzionario della questura di Palermo; Alessandro Ferrara, ex dirigente generale delle Attività produttive; Diego Di Simone, responsabile della security di Confindustria. A eccezione di Grassi, gli altri verranno giudicati con l'abbreviato condizionato all'esame del'imputato. 

Per gli altri 13 imputati che hanno scelto il rito ordinario l'udienza preliminare riprenderà il 5 novembre. Così ha stabilito la nuova gup, Graziella Luparello, ex poliziotta con la passione per la scrittura, che ha sostituito David Salvucci. Su quest'ultimo, infatti, il presidente del Tribunale di Caltanissetta ha riconosciuto l'eccezione di incompatibilità sollevata da Marco Giunta, uno dei legali degli imputati. 

Nell'udienza di oggi, Luparello ha respinto tutte le altre eccezioni sollevate da alcuni imputati, compresa l'incompetenza territoriale (era stato chiesto di spostare il processo a Roma dove si sono consumati alcuni reati) e l'inutilizzabilità di certe intercettazioni telefoniche. È stato anche rilevato che una microspia installata in un palo della luce nei pressi della villa di Montante, potrebbe essere stata alimentata utilizzando energia elettrica dell'Enel e si paventerebbe dunque un furto di energia elettrica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×