Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lettera con proiettile al procuratore Bertone
Stesso calibro di quello inviato a Claudio Fava

Ieri il numero uno della Procura di Caltanissetta ha aperto la busta contenente la lettera minatoria in cui ci sarebbe un riferimento all'indagine su Montante. La missiva sarebbe arrivata lo stesso giorno di quella fatta recapitare all'Ars indirizzata al presidente dell'Antimafia regionale

Salvo Catalano

Una busta con un proiettile è stata recapitata al procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone. Ne dà notizia Repubblica Palermo. Secondo quanto appreso da MeridioNews si tratta di un proiettile dello stesso calibro, 7.65, di quello recapitato nei giorni scorsi al presidente della commissione Antimafia Claudio Fava. «Andiamo avanti», sono le uniche parole rilasciato dal magistrato.

Bertone, catanese di nascita, dirige la Procura nissena dal giugno del 2016 e conduce l'indagine probabilmente più importante attualmente in Sicilia, quella su Antonello Montante, i suoi rapporti con esponenti di Cosa Nostra di Serradifalco, e la rete di corruzione costruita dall'ex numero uno di Confindustria regionale. Sempre Bertone ha guidato l'ultima parte delle indagini sul depistaggio sulla strage di via D'Amelio. 

Il procuratore ha aperto la lettera ieri, quando è rientrato a Caltanissetta dopo alcuni giorni di trasferta. Ma secondo le prime ricostruzioni, le minacce sarebbero arrivate negli ufficio della Procura nissena venerdì scorso. Cioè lo stesso giorno in cui è stata fatta pervenire all'Assemblea regionale siciliana la lettera contenente il proiettile 7.65 indirizzata a Fava, poi aperta lunedì. In quest'ultimo caso non c'era altro contenuto. Nella busta diretta a Bertone, invece, ci sarebbe invece un riferimento proprio all'indagine su Montante. Sul caso indaga la Procura di Catania che ha competenza su vicende riguardanti magistrati di Caltanissetta. 

«Al procuratore Bertone - commenta Fava - abbiamo espresso la nostra stima e la nostra solidarietà. È chiaro che in Sicilia c'è un clima ostile contro chi tocca i nervi scoperti del sistema di potere e delle sue collusioni mafiose. E questo ci preoccupa molto». La commissione regionale antimafia in queste settimane sta svolgendo delle audizioni sia sulla vicenda Montante che sul depistaggio per la strage di via D'Amelio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×