Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali Ragusa, Ialacqua pensa alla Città futura
«Conti lasciati da Piccitto credo non siano in ordine»

Con una sola lista, il professore di lettere corre per la carica di sindaco. «Come prima cosa arei controllare i bilanci del Comune», racconta. Nessun rimpianto per gli ex assessori pentastellati che si sono tirati fuori dal suo progetto. «Lavoro a un governo sinceramente progressista»

Valentina Frasca

Si definisce «l’alternativa alle favole» e con la sua lista Città futura si candida a essere il nuovo sindaco della città di Ragusa in vista delle Amministrative di domenica 10 giugno. Carmelo Ialacqua, docente di lettere al liceo scientifico Enrico Fermi di Ragusa, alle elezioni del 2013 è stato il più votato nella lista Movimento Città e punta su un operato che sia un mix di «dialogo e azione». «Sarò il sindaco di coloro che sono rimasti inascoltati per una Ragusa più sostenibile, più equa, innovativa e che guardi ai giovani», ha più volte assicurato. 

In caso di vittoria, qual è la prima cosa che farebbe, la più importante e urgente per la città? 
«La prima cosa che farò sarà far certificare, da una società specializzata esterna, i bilanci del Comune: ritengo che i conti non siano in ordine e voglio che i cittadini siano informati in modo oggettivo. Contestualmente selezionerò un city manager, cui affidare una seria operazione di spending review, ovvero: tagli di sprechi, contenimento dei costi ma, soprattutto, maggiore efficienza di tutta la macchina amministrativa. C'è poi da fare in tempi stretti una visita in procura, portando alcune carte che gridano giustizia da troppo tempo». 

Come vede Ragusa tra cinque anni?
«Grazie a noi sarà una città avviata verso un modello di sviluppo sostenibile. Il Comune potrà contare su forti risparmi della spesa energetica, su entrate derivanti dallo sfruttamento di forme di energia sostenibile (geotermia e biometano), sull'utilizzo di molteplici finanziamenti europei. Ragusa, inoltre, sarà attrezzata per ascoltare tutti i cittadini, recependo le istanze di partecipazione e libera espressione di associazioni e singoli. Sarà una città più libera ed eguale, più tollerante e solidale». 

Perché dare fiducia a lei e alla sua squadra? 
«Nella mia squadra di assessori posso annoverare la presenza di una donna intelligente, molto preparata e dotata di ottime capacità di gestione di situazioni conflittuali: è Elvira Adamo, da qualche anno ritornata da Milano dove ha svolto per molto tempo lavori di marketing. Posso poi contare sulla presenza di uno scienziato molto apprezzato, Daniele Tedeschi, che si occuperà di ambiente. E il giovane artista Giuseppe Stornello che curerà la cultura. In squadra ci sono poi illustri tecnici che saranno esperti del sindaco e che, già oggi, hanno collaborato alla stesura del nostro programma: l'archeologa Elisa Bonacini si occuperà di turismo e cultura, il professore universitario Tonino Perna ci aiuterà a implementare una moneta complementare cittadina, l'architetto Sergio Adamo sarà l'addetto alla geotermia e alla green economy. Ciò che rende forte questa squadra, e che mi rende orgoglioso, è il forte contenuto innovativo della nostra visione: saremo tutti insieme capaci di costruire una Città futura».

Città futura inizialmente aveva riunito ben tre ex assessori defenestrati dalla giunta di Federico Piccitto. Poi cosa è successo?
«I tre ex assessori da mesi si sono tirati fuori dal progetto e, devo dire, senza alcun rimpianto né mio né del gruppo che attualmente mi sostiene. Città futura è un progetto di rifondazione di un'area progressista oggi allo sbando perché senza affidabili punti di riferimento: per questo è un movimento che avrà un futuro in città.

Quali sono i punti salienti del suo programma? 
«Tra le proposte più innovative c'è il recepimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile individuati dall'Onu; la totale accessibilità della città; l'utilizzo della geotermia; l'efficientamento energetico dei condomini a costo zero per i cittadini; un reddito comunale garantito per mille giovani per cinque anni, attribuito come compenso di attività di servizio civile cittadino; l'istituzione di una moneta complementare locale; la cittadinanza onoraria per le centinaia di studenti nati a Ragusa da genitori stranieri; la lotta alla dispersione scolastica. Poi ancora progetti di salute sessuale e contrasto dell'omofobia indirizzati ai giovani; l'individuazione di locali da affidare ad associazioni di volontariato e dedicate a soggetti disabili con attenzione anche nei confronti di associazioni giovanili».

Verso chi guarderebbe in un eventuale ballottaggio? 
«Più che a superate formule di centrosinistra, sono interessato alla creazione di un progetto di governo progressista, fortemente orientato alle istanze sociali, aperto a un'idea di sostenibilità sociale, economica e ambientale. Al momento, però, non vedo nessuna altra forza politica attrezzata in tal senso: questo potrebbe essere un problema al momento del ballottaggio, ma siamo pronti a contribuire per una soluzione politica netta e pulita, al servizio dei cittadini». 

La cosa peggiore e la cosa migliore della sindacatura uscente?
«Le cose peggiori: la mancanza di trasparenza e partecipazione reale; l'eccessivo carico fiscale; la gestione dissennata e contro legge delle royalties petrolifere; l'imperdonabile indifferenza verso le tematiche educative; l'incapacità assoluta di programmazione; una politica zeppa di spot elettorali, senza alcuna reale capacità di traduzione in azione governativa. In positivo segnalo pochissimi atti grillini cui, peraltro, ho dato sostanziale contributo: la riduzione dei costi della politica; l'approvazione del registro delle unioni civili e del regolamento dei beni comuni urbani. A questo va aggiunto l'avvio, seppure molto parziale, dell'efficientamento dell'illuminazione pubblica (con fondi della passata amministrazione), nonché l'avvio del piano di ammodernamento della rete idrica (anche questo con fondi provenienti da amministrazioni precedenti)».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×