Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Inchiesta su appalti Cas, 17 rinviati a giudizio
In abbreviato condannati imprenditore e società

L'inchiesta riguardava una gara bandita dal Consorzio autostrade nel 2013 per l’assegnazione del servizio di sorveglianza attrezzata per gli interventi urgenti e l’assistenza al traffico lungo la A18 Messina- Catania, la Siracusa - Rosolini e la A20 Messina Palermo

Simona Arena

Si è chiusa con il rinvio a giudizio di 17 imputati, tra persone e società, l’udienza preliminare sulla prima tranche dell’operazione Tekno sugli appalti al Consorzio autostrade siciliano. A deciderlo il gup Simona Finocchiaro che ha disposto due condanne per gli imputati che avevano scelto il rito abbreviato, rigettando anche alcune eccezioni. 

Questo il bilancio dell’udienza preliminare che vedeva a giudizio imprenditori e dirigenti del Cas. Andrano a processo, con inizio l’11 luglio, gli imprenditori Giacomo e Antonino Giordano, Andrea Valentini, Giuseppe Iacolino, Francesco Duca, Rossella Venuto, Antonino Chillé. Il dirigente del Cas Letterio Frisone e i funzionari Angelo Puccia e Filadelfio Scorza e il dipendente del consorzio Agostino Bernava, che è indagato solo per induzione indebita a dare o promettere utilità. Il componente del Cda della Fondazione Irccs Policlinico di S. Matteo di Pavia, Ernesto Filippi. E i due collaboratori di Antonino Giordano, Lucrezia Passeri e Gaetano Visalli. Nell’inchiesta anche le società Building Srl (di Rossella Venuto), Eurotel srl (di Giuseppe Iacolino), Meridional service srl (di Antonino Giordano). Condannato in abbreviato a quattro anni l'imprenditore Giuseppe Luppino e la sua società Arkeoverde.

Turbata libertà degli incanti, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità e istigazione alla corruzione i reati contestati a vario titolo. L’indagine dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita, aveva al centro una gara bandita nel 2013 dal Cas per l’assegnazione del servizio di sorveglianza attrezzata per gli interventi urgenti e l’assistenza al traffico lungo la A18 Messina- Catania, la Siracusa - Rosolini e la A20 Messina Palermo. Secondo la procura la gara sarebbe stata truccata da alcuni imprenditori che, con l’aiuto di funzionari del Cas, avrebbero messo in piedi il sistema delle «buste concordate».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×