Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, nuovo incendio appiccato all'hotspot
Sindaco: «Migranti preferiscono essere arrestati»

Ieri sera le fiamme hanno danneggiato una parte della struttura che ospita 150 migranti. La stessa che nel 2009 fu completamente distrutta da un rogo. «Vogliono farsi processare e restare in Italia», dice il primo cittadino

Valentina Frasca

Foto di: Totò Martello sindaco

Foto di: Totò Martello sindaco

Devastato ancora una volta da un incendio l’hotspot di Lampedusa, che attualmente ospita 150 migranti, nessuno dei quali è rimasto ferito, anche perché molti stazionano all’esterno. Le fiamme si sono alzate ieri sera, intorno alle 20, interessando il primo piano della struttura. Alcune stanze sono inagibili, una parte del soppalco è crollata. Per il resto, la quantificazione dei danni è ancora in corso e polizia e carabinieri sono al lavoro per ricostruire quanto accaduto.

L’incendio è stato circoscritto in poco tempo, grazie al tempestivo intervento di tre squadre dei vigili del fuoco, compresa quella che è di presidio fisso perché incaricata della vigilanza del centro. Le fiamme hanno interessato la stessa area distrutta dal rogo del febbraio 2009 e per il sindaco, Totò Martello, la chiave di lettura è molto semplice, nella sua drammaticità: «Continuano a dare tutto alle fiamme perché vogliono essere arrestati, per farsi processare e restare in Italia. Altri lo hanno fatto ed evidentemente è passato il messaggio che funziona. La situazione – continua – al momento è tranquilla, anche perché dei 150 ospiti in realtà solo una piccola parte abita, effettivamente, dentro i locali. La maggior parte preferisce muoversi, stare fuori, dormire sul sagrato della chiesa di via Roma».

Quando è scattato l’allarme Martello era su un aereo che sarebbe dovuto atterrare intorno alle 21. I mezzi dei vigili del fuoco, però, sono depositati anche all’interno dell’aeroporto e pertanto si è registrato qualche disagio. Il volo del primo cittadino è stato fatto atterrare con circa mezz’ora di ritardo, solo successivamente ha potuto raggiungere il posto per capire cosa stesse accadendo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email