Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dalla Sicilia in 12 anni sono emigrati 35mila laureati
Per la loro formazione spesi quasi 5 miliardi di euro

La cifra viene fuori incrociando i dati Ocse su quanto costa il percorso di istruzione in Italia con quelli riguardanti l'emigrazione, dello Svimez. A commentare la fotografia è il professore di Economia applicata, Gianfranco Viesti, che avverte: «I flussi migratori in entrata non possono compensare le perdite»

Quasi cinque miliardi di euro. È questa l'impressionante cifra che il sistema scolastico italiano ha speso per formare gli oltre 35mila laureati siciliani, che tra il 2002 e il 2014 hanno deciso di lasciare l'Isola senza farvi più ritorno. Il dato si ottiene incrociando le rilevazioni fatte di recente dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e dallo Svimez, l'associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno. 

Secondo le stime dell'Ocse, infatti, per formare un laureato l'Italia spende circa 135mila euro, tra scuola materna, di primo e secondo livello e percorso accademico. Ipotizzando un percorso di formazione che va dai 13 ai 16 anni, asilo compreso. Nelle cifre - indicate nei report annuali Education at a glance - sono comprese le spese affrontate dalle famiglie degli studenti, ma il dato ha un'incidenza decisamente bassa. Tale investimento acquisisce significato se lo si correla ai numeri riguardanti l'emigrazione. Lo Svimez, in tal senso, è chiaro: «Dal 2002 al 2014 sono partiti 60.295 laureati siciliani, dei quali soltanto 25.233 hanno fatto rientro nella terra d'origine». Del totale di emigrati, 46.603 sono andati nelle regioni centro-settentrionali dell'Italia, 4.382 si sono fermati nel Meridione, mentre 9.310 hanno scelto di varcare i confini nazionali, per cercare fortuna all'estero. In tutti i casi, però, si tratta di risorse che non sono rimaste in Sicilia. 

Una questione da non sottovalutare, specialmente se si considera che si tratta di lavoratori altamente qualificati. A commentare il dato è Gianfranco Viesti, professore ordinario di Economia applicata all'Università di Bari. «È un trend che negli anni si è via via rinforzato - commenta il docente, che già in passato ha affrontato il tema dell'emigrazione dal Meridione - e che ha conseguenze non solo sull'economia ma anche sulla società. Parliamo, infatti, di laureati che spesso non vogliono o non riescono a tornare a casa, e questo a causa di un sistema che non riesce a creare lavoro, specialmente per quanto riguarda posti richiedenti un'alta qualifica».

In tal senso, difficilmente un aiuto potrebbe arrivare dai flussi migratori in entrata. «Chi arriva nel nostro Paese, specialmente al Sud, raramente ha una formazione di alto livello», prosegue Viesti. Secondo il quale l'unico modo per arginare la cosiddetta fuga dei cervelli è un reale impegno delle istituzioni nell'ottica di creare lavoro. «Ma non basta puntare a innalzare soltanto l'occupazione, servono misure per incentivare i nostri laureati a rimanere», conclude l'esperto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews