Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Anci, il vicepresidente Amenta critica Bianco
«Trivellazioni e fondi Pac, con Renzi deve essere più forte»

Paolo Amenta, delegato dell'associazione dei Comuni siciliani, torna sulla visita di Matteo Renzi a Catania e sull'atteggiamento tenuto dal sindaco Enzo Bianco nell'incontro con il premier: «Non ha affrontato il tema delle trivellazioni e della diminuzione dei fondi Pac per oltre tre miliardi»

Leandro Perrotta

«Ho invitato il presidente Enzo Bianco ad essere più forte con il Governo nazionale: se rappresentiamo il territorio e il Mezzogiorno, l'essere compagni di partito non può essere una scusa». Dopo la visita a Catania del presidente del consiglio Matteo RenziPaolo Amenta, sindaco di Canicattini Bagni vicepresidente di Anci Sicilia, ha criticato pubblicamente l'atteggiamento tenuto dal sindaco di Catania nel corso dell'incontro con il Premier. «Mi sono permesso di dire, nella riunione con gli altri sindaci avvenuta il giorno dopo la visita, che Renzi è venuto a Catania ma non è stato dato nessun rilievo alle questioni fondamentali per lo sviluppo dell'isola: la riduzione dei fondi Pac per tre miliardi e mezzo di euro nella legge di Stabilità e l'avvio delle trivellazioni nel Canale di Sicilia. Come si fa a non parlare di questi temi con il presidente del Consiglio?», sottolinea Amenta. Bianco, oltre che sindaco di Catania è «leader del costituendo distretto del Sud-Est, che ha come presupposto uno sviluppo sano del territorio, che parte dal basso, nonché dirigente nazionale del Partito Democratico e, dallo scorso 6 novembre presidente del consiglio nazionale Anci», sottolinea il vicepresidente dell'associazione siciliana dei Comuni.

Proprio sul tema dell'avvio di nuove ricerche di greggio, contenuta nel cosiddetto decreto Sblocca Italia, «l’Anci Sicilia ha già proposto ricorso contro le trivellazioni ed è pronta a sostenere con forza il referendum», come si legge infatti in una nota a firma del presidente regionale dell'associazione dei Comuni, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando

«A livello nazionale però - prosegue Amenta - le due questioni verranno trattate senza discussione in Parlamento, con il voto di fiducia. Qui non si tratta di uno scontro con Bianco - puntualizza il vicepresidente Anci -, ma se abbiamo scelto di essere quelli che sostengono il turismo, l'agrolimentare, un sistema idrico integrato e una gestione sana dei rifiuti, l'articolo 12 della legge di Stabilità che riduce i fondi per la programmazione, e l'articolo 38 dello Sblocca Italia non possono starci. Sono esattamente come il Muos», spiega il sindaco di Canicattini Bagni. Che aggiunge un'altra critica al governo nazionale: «Quello portato a livello nazionale è un sistema che fa passare il meridione come sprecone, dimenticando - spiega Amenta - che c'è la legge sul federalismo fiscale agli articoli 23 e 27 che parla di perequazione fiscale e infrastrutturale, dando l'obbligo di approvare piani pluriennali di interventi per colmare il gap tra Sud e Nord Italia. E ci sono ancora - conclude - il 50 per cento dei fondi comunitari 2007-2013 da spendere».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×