Chiudi ✖
15

G7: tutti i divieti a Taormina, Castelmola e a mare
Prefettura avvisa: code e rallentamenti sulla A18

Redazione

Cronaca – A dieci giorni dal summit ufficializzate tutte le aree interdette. I residenti e chi lavora nei due Comuni potranno ritirare i badge in questi giorni. Restrizioni anche in un lampio tratto di mare. Possibili pesanti disagi sulla viabilità, sia sulla statale 114 che in autostrada

Area ad accesso riservato e zona di massima sicurezza. Sono le misure della Prefettura di Messina volte ad aumentare i livelli di sicurezza del G7, in programma a Taormina il 26 e 27 maggio 2017. Già dalla mezzanotte del giorno 22 e fino alla mezzanotte del 27, sarà consentito l’ingresso nell’area ad accesso riservato – che comprende anche la strada provinciale 10 che conduce a Castelmola – soltanto a chi esibirà l’autorizzazione rilasciata dall’autorità di polizia o in alternativa il badge di livello due, sia a piedi sia col veicolo, mentre dal 25 in poi sarà consentito l’accesso solo ai pedoni muniti degli appositi permessi. Nelle vie Guglielmo Marconi, Luigi Bongiovanni, Porta Pasquale dall’intersezione con via San Pancrazio e Piano Porto, nello stesso periodo sarà consentito il transito solo ai veicoli autorizzati o provvisti del badge mentre la sosta sarà vietata per qualunque mezzo.

Nella zona di massima sicurezza, invece, dalla mezzanotte del 22 maggio alla mezzanotte di giorno 24, potranno accedere a piedi o col veicolo soltanto i possessori dell’autorizzazione di polizia o del badge di livello uno, e sarà vietata la sosta di tutti i mezzi, fatta eccezione per quelli muniti del badge di livello uno che potranno solo transitare. Anche in questo caso, a partire dal 25 maggio e fino al 27, si potrà accedere nella zona di massima sicurezza solo a piedi.

I cittadini di Taormina residenti nelle zone definite Area ad accesso riservato e Zona di massima sicurezza e i non residenti che lavorano in quelle parti, così come gli abitanti di Castelmola, dovranno richiedere il rilascio del badge alla palestra scuola di Via dei Cappuccini o alla delegazione comunale della frazione di Trappitello, in via Francavilla 28, per quanto riguarda Taormina e in Piazza Sant’Antonio per quanto riguarda Castelmola. Per ottenere il badge, ai residenti basterà presentare il documento di identità, mentre i lavoratori non residenti nelle zone di sicurezza di Taormina e quelli non residenti a Castelmola, dovranno esibire oltre al documento di riconoscimento, la copia della licenza commerciale dell’attività in cui si presta servizio o autocertificazione e la copia del contratto di lavoro o autocertificazione. Gli automobilisti dovranno esibire, inoltre, il libretto di circolazione.

Per quanto riguarda le misure di sicurezza a mare, il comandante della Capitaneria di Porto di Messina ha istituito la zona di massima sicurezza, l’area ad accesso controllato e l’area di sorveglianza ed allarme. Nella zona di massima sicurezza, formata dallo specchio acqueo affacciato sul promontorio di Taormina – compreso tra l’Hotel San Pietro di Letojanni a nord e lo stabilimento balneare Lido Recanati Beach a Giardini Naxos a sud – sarà vietata qualsiasi tipo di attività, ad eccezione della balneazione ma a patto che ci si mantenga ad una distanza inferiori ai 50 metri dalla riva. Nell’area ad accesso controllato, tra l’Elihotel di Sant’Alessio Sicuro a nord e il lido del Sole lungo Marina di Cottone di Fiumefreddo a sud, sarà consentita esclusivamente la navigazione in transito, vietate dunque la pesca e le immersioni. Nell'area di sorveglianza ed allarme, tra il Main Palace Hotel di Roccalumera a nord e il porto di Pozzillo di Acireale a sud, le imbarcazioni in transito dovranno seguire alla lettera le indicazioni che saranno fornite dalle forze dell’ordine tramite il canale 16 VHF marino. Nel mirino degli addetti alla sicurezza anche il porto di Giardini Naxos, dove sarà impedita la navigazione, l’ormeggio e l’ancoraggio delle barche, eccetto quelle dei servizi tecnico nautici e quelle commerciali.

«Le limitazioni e le restrizioni necessarie per assicurare lo svolgimento del vertice G7 in piena sicurezza – fa sapere la prefettura di Messina – potrebbero causare, fra il 22 e il 28 maggio, alcuni disagi alla circolazione stradale, sia lungo le arterie della viabilità ordinaria, statale 114 compresa, sia lungo la viabilità autostradale». Code e rallentamenti potrebbero verificarsi inoltre sulla A18 Messina-Catania, dalla barriera di Tremestieri a quella di San Gregorio, per via di alcune misure temporanee di regolamentazione del traffico che probabilmente verranno attuate.