Zone franche montane, convocati i deputati nazionali siciliani Il comitato: «Ancora più preoccupati dopo l’ultima audizione»

Quella delle Zone franche montane in Sicilia assume sempre più i contorni di una telenovela. La palla al momento è in mano al governo nazionale, che già a fine settembre aveva annunciato l’arrivo di un centinaio di milioni di euro come acconto per i 159 Comuni siciliani che hanno i requisiti per rientrare nel programma. Si tratta di piccoli centri, la cui popolazione non arriva ai 15mila abitanti, situati a oltre 500 metri sul livello del mare, spesso coinvolti da fenomeni di forte spopolamento, che oltre a contributi sociali dovrebbero, secondo quanto stabilito dalla legge approvata all’Ars nel 2019, beneficiare anche di sgravi fiscali. Ma è a Roma che si gioca la partita, con l’istituzione delle Zfm che va approvata da Camera e Senato. 

Nonostante i solleciti del presidente della Regione, Nello Musumeci, che pure aveva scritto una missiva al governo a doppia firma con il presidente dell’Assemblea regionale, Gianfranco Miccichè, ancora c’è poca chiarezza sul destino della legge e sulle intenzioni romane, favorevoli, almeno a parole, all’approvazione, ma di fatto ancora ferme. E per discutere del caso oggi in commissione Bilancio sono stati ascoltati l’assessore all’Economia, Gaetano Armao e quello alle attività produttive, Mimmo Turano, insieme al Comitato per le Zone franche montane in Sicilia che ormai da due anni si batte per l’approvazione tanto attesa. 

«Non siamo soddisfatti dell’audizione, semmai ancora più preoccupati di prima – dice Vincenzo Lapunzina, coordinatore del comitato riferendosi all’appuntamento di ieri – Tuttavia, abbiamo avuto la conferma che il professore Armao ha inoltrato una proposta di emendamento al Ddl Stabilità per ulteriori cento milioni di euro da destinare al finanziamento della norma di politica economica in discussione al Senato. Abbiamo motivo di ritenere che l’assessore al Bilancio ha avuto interlocuzioni con autorevoli membri del governo Draghi e dei partiti che non faranno mancare l’appoggio alla sua proposta di ottenere ulteriori vitali risorse da destinare alle terre alte di Sicilia».

«Vista la loro destinazione, è come se i fondi già stanziati fossero per l’insularità – dice a MeridioNews Sergio Tancredi, parlamentare di Attiva Sicilia e membro della commissione Bilancio – Questa storia che dobbiamo subire i diktat romani e prendere questi quattro spiccioli per una cosa sacrosanta deve finire. Ho chiesto al presidente di convocare la rappresentanza siciliana di Camera e Senato, un numero di parlamentari tale da potere innescare una crisi di governo e che avrebbe il potere di muovere le cose. L’ho chiesto per capire se hanno intenzione di fare qualcosa in questo senso, per chiudere questa partita che è cominciata due anni fa». Una richiesta presa in considerazione dal presidente della commissione, Riccardo Savona, e che rimanda la discussione alla prossima settimana.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]