Zamparini punta sul nuovo che avanza De Zerbi, un tecnico in rampa di lancio

Per il post-Ballardini, Zamparini ha deciso di attualizzare una tendenza del suo passato. Quando era al timone del Venezia, il patron rosanero in più di una circostanza ha pescato da categorie inferiori giovani di prospettiva che poi si sarebbero affermati nel grande calcio (Spalletti, Ventura e Prandelli per citare alcuni esempi) e adesso ci riprova con Roberto De Zerbi. Quello che con ogni probabilità sarà il nuovo allenatore del Palermo (l’accordo, sulla base di un biennale, dovrebbe essere ufficializzato lunedì) è uno dei tecnici emergenti nel panorama nazionale. Un autorevole rappresentante del nuovo che avanza, «corrente» di cui fanno parte altri allenatori che ultimamente hanno stuzzicato la fantasia di Zamparini come Oddo, Stellone, Juric e Nicola.

Sponsorizzato da Gianni Di Marzio, consulente personale del numero uno del club di viale del Fante, il trentasettenne De Zerbi ha conquistato gli addetti ai lavori rosanero per il calcio brillante e propositivo proposto in Lega Pro a Foggia, club con cui ha rescisso da poco il contratto dopo due stagioni culminate lo scorso giugno con la conquista della finale playoff per la promozione in serie B persa poi nel doppio confronto con il Pisa. Prolungato possesso palla e baricentro alto: sono alcune caratteristiche di un metodo, ribattezzato DeZerbilandia dagli amanti del bel calcio, influenzato certamente dal ruolo in cui ha agito durante la carriera di calciatore. Il successore di Ballardini sulla panchina rosanero era un trequartista, un fantasista stile Diamanti noto per la sua imprevedibilità e la capacità di non dare punti di riferimento agli avversari svariando sul fronte offensivo. E con queste credenziali ha costruito progressivamente un buon curriculum mettendosi in luce, dopo gli inizi nelle giovanili del Milan, in diverse piazze tra cui Foggia, Arezzo, Catania (con cui ha conquistato la promozione in serie A nel 2005/06 segnando 7 gol in 35 presenze) e Napoli, altra squadra con la quale ha brindato al salto di categoria dalla B alla massima serie (stagione 2006/07).

L’ultimo segmento del percorso da calciatore, terminato nel 2013 a Trento in D, è coinciso con un’esperienza in Romania, al Cluj. Un’avventura che gli ha regalato delle soddisfazioni tra titoli conquistati (due campionati e una coppa nazionale) e l’emozione legata all’esordio in Champions League. Il presente di De Zerbi, tecnico bresciano in rampa di lancio, si chiama Palermo. E il prossimo avversario sarà il Napoli, squadra con cui Roberto ha collezionato le uniche presenze in A (tre) della sua carriera. Non mancano altre curiosità: De Zerbi, seguito recentemente anche da Crotone e Ascoli, da giocatore è stato alle dipendenze dei due tecnici che nelle ultime ore lo hanno affiancato nella rosa dei papabili per il post-Ballardini. E’ stato con Reja a Napoli e in Romania è stato allenato da Mandorlini.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]