Siracusa, ecco chi sono i dieci candidati al Consiglio più votati. E quelli da zero voti

A Siracusa la poltrona del primo cittadino è rimasta ancora vuota. A contendersela (nel turno di ballottaggio di domenica 11 e lunedì 12 giugno) sono rimasti da una parte il sindaco uscente Francesco Italia e dall’altra il candidato del centrodestra (non proprio tutto unito almeno al primo turno) Ferdinando Messina. Intanto, però, la prima conta dei voti è stata fatta anche per quanto riguarda i candidati al Consiglio comunale. Un organo di cui il capoluogo aretuseo ha dovuto fare a meno negli ultimi due anni abbondanti. Distanze abissali tra il più votato che è riuscito a ottenere 784 preferenze – forse anche perché i nomi possibili da indicare erano due con lo stesso cognome: Sergio Bonafede, detto Tony. Era questa la dicitura riportata sulle schede: Sergio, il padre e Tony, il figlio – e l’esercito degli aspiranti per un posto nell’aula consiliare di Palazzo Vermexio che non si è nemmeno sentito di meritare il proprio voto. Il numero scritto accanto al loro nome e cognome negli elenchi dei risultati elettorali è, infatti, lo zero.

Il più votato dai siracusani è stato, dunque, Sergio Bonafede che è sceso in campo nella lista Popolari e autonomisti, una delle sette a sostegno di Messina. Un volto tutt’altro che nuovo nella sala Vittorini del municipio che ha visto scranni occupati sia da lui che dal figlio, entrambi coinvolti in questioni giudiziarie. Bonafede senior nel caso delle false assunzioni al Comune; Bonafede junior nel 2016 fu arrestato con venti chili di droga in una valigia a Pozzallo (nel Ragusano) mentre stava per imbarcarsi per Malta. Con 129 voti di distacco, il secondo più votato è stato il già consigliere Giovanni Boscarino (Forza Italia). Sopra le seicento preferenze si è attestato anche Massimo Milazzo, il capolista del Partito democratico (una delle liste a sostegno della candidata sindaca Renata Giunta che è arrivata terza). Un buon risultato anche quello dell’ex assessore all’Igiene urbana Andrea Buccheri che si è presentato nella lista che porta il nome e il cognome del primo cittadino uscente che potrebbe essere anche quello entrante. A metà classifica, c’è un ex aequo tra due candidati della lista Fuori sistema per Siracusa (tra quelle in appoggio al candidato Giancarlo Garozzo): entrambi a 533 voti si sono attestati Cosimo Burti e Francesco Zappalà.

Stessa situazione di identica parità nella lista di Fratelli d’Italia (tra quelle a sostegno di Messina) tra l’ex presidente della consulta civica di Siracusa Damiano De Simone e Giovanna Porto: tutti e due hanno ottenuto 475 preferenze. Un posto nella classifica dei più votati tocca anche ad Alessandro Di Mauro (con i suoi 461 voti) della lista Popolari e autonomisti. Tre preferenze in meno sono quelle che è riuscito a ricevere Salvatore Ortisi candidato nella lista Noi per la città (tra quelle in appoggio a Italia). Chiudono la top ten del voto siracusano Luciano Aloschi di Popolari e Autonomisti (con 448 voti) e Carlos Torres (con 406 preferenze) della lista Grande Siracusa 2023 (tra quelle a sostegno di Giancarlo Garozzo).

Una menzione speciale la meritano gli aspiranti (ma forse manco troppo) consiglieri comunali che non si sono sentiti all’altezza nemmeno del proprio stesso voto. Il caso più assurdo è quello della lista di Giuseppe Bianca, detto Joe, che in una prima fase aveva anche avanzato una candidatura a sindaco. In Siracusa al futuro, solo lui e un altro candidato hanno numeri positivi accanto al nome: Bianca (37) e Alessandro Costa (che ne ha racimolati due). Tutti gli altri zero: Giovanna Portella, Gaetana Formica, Rosetta Formica, Giancarlo Di Rosolini, Clara Rabbito, Ottavio Gibilisco, Carmela Capizzi, Giuseppe Dell’Aquila, Maria De Luca, Antonina Campisi, Lucia Portella, Natale Perricone, Gerlanda Portella, Daniele Giurdanella, Annalisa Franza, Carmelo Carnevale, Loredana Giudice, Giovanni Catalano, Carmela Perna, Lucia Rametta, Giuseppe Ficarri, Angela Drago e Giuseppe Cantaro. Altri candidati da zero sono distribuiti in diverse liste a sostegno di diversi candidati.

Due sono di Noi moderati Democrazia cristiana: Alessandra La Rocca e Luigi Marletta. Sei candidati senza voti sono tra l’elenco di Laboratorio civico Siracusa 2023: Eleonora Lauretta, Alessio Sangregorio, Giuseppe La Marca, Giuseppe Caruso, Chiara Mazzotta e Roberto Rocco. Altri sei che non hanno avuto nemmeno una preferenza sono nella lista Siamo Siracusa: Filippa Longo, Maria Letizia Longo, Salvatore Neri, Angelo Nifosì, Damiano Palumbo e Fabrizio Presti. Un candidato da zero anche nella liste: Popolari e autonomisti, Francesco Greco; Insieme, Elena Romano; Prima l’Italia Siracusa protagonista con Vinciullo, Santa Bonfiglio; Fuori Sistema per Siracusa, Felice Guarneri; in Renata Giunta sindaca, Sara Raccosta; nel Pd Santo Scibilia; in Lealtà e condivisione progressisti verdi sinistra, Antonio Ferrara. Ce ne sono ben nove nella lista Siracusa più verde: Rita Bazzano, Serena Di Gregorio, Sebastiano Ganci, Antonio Girlando, Valeria Impicciché, Simone Pinasco, Paolo Riggio, Giuseppe Scollo e Giuseppe Spitaleri. Sono quattro i candidati senza voto nella lista Grande Siracusa 2023: Alessia Cannata, Marco Lega, Jlenia Mauceri e Jordan Scala. Sette nella lista Trigilio sindaco di Siracusa Sicilia vera: Stefania Cristina, Paolo D’auria, Massimo Fontana, Maria Concetta Massaro, Alessandro Romano, Rossella Ruscica e Emanuela Scillia. Due nella lista Unione di Centro: Sebastiano Davì e Sebastiano Miraglia. E altri due nella lista di Edy Bandiera sindaco: Andrea Camelia e Isabella Campisi. Due candidati da zero anche nella lista Mangiafico sindaco Movimento civico 4: Fabio Castrogiovanni e Salvatore Ricco Galluzzo. Cinque anche nella lista Vespri Siracusani: Alessio Iacono, Leandra Covato, Antonio Roccaro, Fabrizio Aricò e Salvatore Scibilia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]