Vigili del fuoco, in Sicilia ne mancano almeno 350 Così i volontari vengono pagati quanto gli ordinari

«I fatti dei volontari di Ragusa ci indignano, le strumentalizzazioni pure». All’indomani dell’indagine della procura di Ragusa che ha coinvolto 14 vigili del fuoco volontari, accusati di aver appiccato volutamente incendi per lavorare di più e farsi pagare dieci euro all’ora, è il comando generale del Corpo nazionale a chiedere «rispetto per tutti i pompieri onesti che ogni giorno rischiano la vita in decine di migliaia di interventi di soccorso». 

Ma è soprattutto sul sistema generale – in cui i volontari sono diventati indispensabili tanto quanto quelli di ruolo sottodimensionati – che gli addetti ai lavori invitano a ragionare. Il segretario del sindacato autonomo vigili del fuoco (Conapo), Antonio Brizzi, ha contestato il ricorso all’arruolamento temporaneo di vigili volontari, la cui paga di dieci euro l’ora risulta uguale a quella dei colleghi ordinari. 

«I volontari non devono essere pagati – precisa Brizzi – altrimenti si trae vantaggio dall’aumento del numero degli interventi. È una battaglia che torniamo a combattere alla luce di quanto accaduto in provincia di Ragusa negli ultimi tre anni. Attualmente il volontario è totalmente equiparato al vigile del fuoco ordinario e tutto ciò deve finire. Un cittadino comune non può improvvisarsi in tale ruolo, in Italia i vigili del fuoco sono considerati pari alla polizia di stato e a quella giudiziaria e di pubblica sicurezza». Secondo Brizzi la gestione dei volontari non può essere di competenza dello Stato. «È un comparto di cui le Regioni devono farsi carico attraverso la protezione civile, chi decide di prestare servizio non può ricevere compensi. Il governo deve con urgenza intervenire con una riforma che annulli il connubio più emergenze uguale maggiore guadagno».

Alla base vi è comunque un problema di sottodimensionamento che non permette all’intero Corpo di operare in modo efficace sul territorio. «A livello nazionale – precisa Brizzi – mancano almeno 3.500 vigili. La politica ha attuato un sistema che tenta di sopperire alle mancate assunzioni con il volontariato. Si aggiungano poi i 2.500 forestali che devono transitare nei vigili del fuoco dai carabinieri e che in futuro dovranno formare i nuovi agenti per il controllo dei boschi. Si tratta di operazioni indispensabili per la sicurezza pubblica in caso di incendi, alluvioni o altre calamità naturali». Secondo il sindacalista il problema potrebbe essere risolto percorrendo un’altra strada. «La cosa più semplice – afferma Brizzi – è istituire la ferma prolungata dai 18 ai 28 anni per attingere nuovo personale dalle altre forze armate, senza continuare con il volontariato pagato».

Sul tema sottodimensionamento la Sicilia non fa eccezione, registrando un trend allarmante messo ancor più in luce durante queste settimane caratterizzate da centinaia di roghi scoppiati in tutta l’Isola. «La situazione è drammatica – precisa Gaetano Agliozzo della Cgil -. Al momento mancano almeno 350 unità e i concorsi che partiranno a breve non risolveranno la questione, poiché mettono a disposizione solo 700 posti su tutto il territorio nazionale. In Sicilia si sta cercando di tamponare con l’impiego di un centinaio di volontari a chiamata. Ma è un sistema che va regolamentato: chi fa volontariato non può percepire denaro, altrimenti si rischia di innescare un meccanismo negativo così come avvenuto recentemente a Ragusa».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]