Un supporto all’interno delle scuole: lo sportello d’ascolto

Finalmente ho re-iniziato i miei amati sportelli d’ascolto!

Eh sì, rieccomi a scuola! 

Anche quest’anno, infatti, sono la psicologa dell’istituto in cui sono presente da più anni (e, va da sé, affezionata): il liceo statale Ettore Majorana di San Giovanni La Punta. Conduco, altresì, lo sportello d’ascolto al liceo statale Leonardo di Giarre, scuola alla quale sono a dir poco “fortemente emotivamente legata” poiché “mio” liceo d’origine e humus di quello che oltre a essere il mio mestiere rappresenta la mia più grande passione. Entriamo nel vivo degli sportelli d’ascolto.

Specifico che lo scorso anno scolastico, per la prima volta, si è avviato un Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Istruzione (Miur) e il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi (Cnop) per fornire supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e prevenire l’insorgere di forme di disagio e/o malessere psico-fisico tra gli studenti e rispondere ai traumi e ai disagi derivati dall’emergenza COVID-19.

Svariati Dirigenti Scolastici (DS) hanno, pertanto, ritenuto opportuno indire, all’interno del proprio Istituto, un bando per reclutare un professionista esterno.

Lo scorso anno scolastico, con mio immenso piacere, sono risultata vincitrice in cinque diversi Istituti:

– Istituto Comprensivo Statale “Sante Giuffrida” (Catania);

– Liceo Ginnasio statale “Mario Cutelli” (Catania);

– Liceo Scientifico e Linguistico Statale “Principe Umberto di Savoia” (Catania);

– Liceo Statale “Ettore Majorana” (San Giovanni La Punta);

– Liceo Statale “Leonardo” (Giarre).

In cosa consiste lo sportello d’ascolto? 

È un “luogo” all’interno del quale ogni membro della scuola (alunni, loro genitori, docenti e personale ATA) può accedere venendo accolto in modo empatico e ricevendo supporto psicologico.

Il servizio è gratuito? 

Si; per ognuno dei partecipanti di cui sopra.

Fake news

Negli ultimi anni, mentre giro per le classi, presentandomi, mi piace sfatare tre miti (che rappresentavano alcuni dei luoghi comuni che durante i miei primi sportelli risultavano essere le false credenze più quotate):

– non ci vanno pazzi

– non ci vanno solo le femminucce

non ci vanno i looser (gli sfigati, i perdenti)

Dallo psicologo va chiunque

Tutti, nessuno escluso, in un determinato momento della propria vita possono attraversare situazioni difficili: chiedere un supporto può essere la soluzione per superare i momenti di crisi.

A me piace ricordare che dallo psicologo, tutt’al più, ci vanno i coraggiosi.

Faccio psicoterapia? 

No. Nonostante io sia psicologa e psicoterapeuta lo sportello di ascolto non è un percorso di psicoterapia.

Come si possono effettuare le richieste per accedere allo sportello? 

In vario modo:

– inviandomi una mail all’apposito indirizzo di posta elettronica (che leggo solo io);

– mettendo un bigliettino nella cassettina presente a scuola;

– facendomi pervenire la propria richiesta tramite un docente che funge da tramite.

Quello che gli alunni mi raccontano lo racconto ai Ds, ai docenti o ai genitori?

No. È importante che l’alunn* si fidi di me e se pensasse che è una sorta di “telefono senza fili” non verrebbe più allo sportello.

Conditio sine qua non per vedere un alunno minorenne è avere il consenso informato dei genitori (esercenti la responsabilità genitoriale, secondo quanto precisato nell’art. 31 del codice deontologico degli psicologi).

Se, e solo se, qualora all’interno del colloquio emergesse qualcosa di grave derogherei (trovando il modo di non far sentire l’alunno tradito) condividendo con gli adulti/l’adulto di riferimento.

Sono poche le persone che si recano allo sportello d’ascolto? 

Assolutamente no! Le volte in cui riesco ad assolvere tutte le richieste mi posso ritenere fortunata. Non mi è mai capitato di non avere colloqui in programma, indice dell’importanza che la figura professionale dello psicologo rappresenta anche (o soprattutto?) a scuola.

Che feedback ricevo? 

Ds, docenti e genitori mi dicono che ci vorrebbe ogni giorno lo psicologo a scuola. Una delle frasi evergreen pronunciate dagli alunni è “non vedevo l’ora che mi chiamassi!”

Mi sento di ringraziare pubblicamente le due dirigenti scolastiche con cui sto collaborando, Carmela Maccarrone (dell’istituto Ettore Majorana) e Tiziana D’Anna (del Leonardo) per l’attenzione che puntualmente mi dedicano e, soprattutto, perché credono fortemente nella valenza di tale supporto e contribuiscono a far conoscere il servizio fornito nei propri istituti incentivando, così, i propri allievi a recarsi allo sportello.

Sito web: https://germanotta.info/

Pagina facebook: Dott.ssa Antonietta Germanotta psicologa e psicoterapeuta familiare

Instagram: Germanotta.info


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]