Un fenomeno molto diffuso: il phubbing

Rappresenta il fenomeno dell’ignorare (trascurare) gli altri mentre si è insieme a loro (quindi durante interazioni sociali) per dedicarsi al proprio smartphone. Il termine è stato coniato dagli americani e origina dall’unione di due parole: phone (telefono) e snubbing (trascurare). Due termini derivanti da tale fenomeno sono phubber – colui che snobba gli altri – e phubbee, colui che ne subisce le conseguenze essendo (e vedendosi) ignorato.

Il phubbing ha un fortissimo impatto sulla qualità della comunicazione e genera sentimenti sia di emarginazione sia di esclusione, rappresentando l’azione di snobbare qualcuno all’interno di un ambiente sociale: è come se venisse, ma potremmo scrivere viene, preferito l’uso dello smartphone rispetto all’interazione sociale con la/le persona/e presente/i; va da sé che chi subisce tale modalità si senta messo da parte, posto in secondo piano.

Sembra che in tanti, troppi, siano spesso, o per meglio dire sempre, connessi al proprio smartphone piuttosto che agli altri (e forse anche a se stessi). Si ritiene, infatti, che il cellulare faccia parte della quotidianità: più che un accessorio arriva a diventare un prolungamento della propria mano (o di sé?), uno strumento di cui non si può, o non si vuole, più fare a meno. Se ci guardassimo intorno a una festa, una serata o addirittura durante una cena tra pochi amici, non faremmo fatica a scorgere ben più di una persona china sul telefonino, sintonizzata solo su di esso e probabilmente non ci sembrerà per nulla strano. «Lo fanno tutti, che c’è di strano?», chi non se l’è sentito dire?

Il phubbing è, quindi, un comportamento che consideriamo ormai comune e abituale? Da cosa deriva e quali sono le sue conseguenze? Ignorare gli altri ci porta, ben che vada, a essere distratti ma anche, a volte, all’isolamento vero e proprio. Diverse ricerche sostengono che l’esperienza di phubbing non solo abbia un impatto negativo e abbassi il tono dell’umore, ma anche che riduca la qualità della comunicazione e del rapporto perché le persone si sentono socialmente escluse.

Cosa c’è alla base del phubbing? Possiamo annoverare la dipendenza da smartphone (internet addiction) e la FOMO (fear of missing out – paura e ansia di venir tagliati fuori, di perdersi qualcosa di interessante sui social, online e di conseguenza nella vita reale, accompagnata dal pensiero, costante, che gli altri stiano facendo qualcosa di più interessante di quello che stiamo facendo noi) e la mancanza di autocontrollo, componente chiave nelle dipendenze. Secondo alcuni studiosi (Karadağ e colleghi, 2015), dipendenza, uso eccessivo e compulsivo di smartphone (compreso l’invio di sms, l’uso social network e le applicazioni di giochi) possono sfociare nel fenomeno del phubbing, che gli autori definiscono quale vero e proprio disturbo trasversale a molte dipendenze.

Per taluni può essere fastidioso a tal punto che dal 2013, negli USA, è stata istituita online la campagna stop phubbing sorta per sbeffeggiare i fissati con il telefonino. Chi subisce il phubbing talvolta lo attua generando così un circuito che si autoalimenta: il phubber finisce per diventare phubbee e viceversa, incrementando, in questo modo, la ripetitività e la reciprocità di tale comportamento in una sorta di circolo vizioso.

Sentirsi non visti, oltre che esclusi dall’interazione sociale, genera vissuti di solitudine e/o ansia, tristezza, rabbia, causando esclusione; il phubbing è una nuova modalità di isolamento sociale e, come tale, non ne vanno trascurate le possibili conseguenze negative.

Chi volesse potrebbe scrivermi le proprie considerazioni al seguente indirizzo mail: terapeuta@germanotta.info

Dott.ssa Antonietta Germanotta

Psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale

Psicotraumatologa EMDR

Tel: 329 9785779

Email: terapeuta@germanotta.info

Sito web: https://germanotta.info/


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]