Turismo, dopo il boom della Puglia tocca alla Sicilia Operatori stranieri: «Mettete da parte i campanilismi»

«Terra a vocazione turistica»: è la Sicilia delle campagne elettorali. Ma il turismo, a parte essere uno dei protagonisti della mitologia istituzionale, che ruolo gioca nell’economia attuale dell’isola? Provano a spiegarlo due operatori che hanno scommesso al di qua dello Stretto. Il primo è Sandro Chiriotti, astigiano, enologo e specializzato nel turismo gourmet. «La Sicilia è un mini-continente, che negli ultimi anni si è conquistato crescenti quote di mercato sia in ambito turistico che commerciale, grazie a prodotti naturalmente vincenti. È una regione dotata di potenzialità infinite, in virtù delle eccellenze che vanta in tutti i campi: dal patrimonio storico-culturale a quello eno-gastronomico». 

Una tesi confermata dai tre milioni di visitatori in più al termine dell’ultima stagione estiva. Ma non basta. «Si continuano a commettere errori e a registrare arretratezze operative ataviche sia in politica che nell’imprenditoria: politiche di valorizzazione che si accavallano, costanti cambi di referenti, imperdonabile confusione e ritardi decisionali, mancanza di coesione nei messaggi e nel definire i target strategici da raggiungere». L’impressione che si ha quando si ascoltano le parole degli operatori che rivendicano la propria scelta di puntare sulla Sicilia, è che la promozione dell’isola interessi più ai non isolani che agli autoctoni. «Da dieci anni – continua Chiriotti – mi scontro con queste difficoltà, ma il fascino e le poliedriche attrattive della regione e della sua gente mi riportano sempre qui, per tentare nuovi approcci, per cercare nuove risposte, per attivare nuove alleanze tra il sapere locale e quello esterno». 

Concezio Natale è l’amministratore delegato di Best holidays in Italy, società irlandese che convoglia flussi di turisti british in Italia. «La Sicilia sta crescendo: è presente in tantissimi cataloghi internazionali. I punti di forza sono ben chiari a tutti: arte, cultura, natura. E poi sono le persone a fare la differenza». Torna subito, però, il tema delle criticità. «C’è un problema – prosegue Natale – proprio al cuore dell’isola: le località costiere tengono troppo in ombra quelle dell’entroterra; non si devono sottovalutare le risorse interne, altrimenti si crea un buco dentro: come le caramelle Polo. Inoltre si sta frammentando il territorio in consorzi turistici che non fanno altro che disgregare l’immagine della Sicilia, che invece deve essere venduta in modo unitario: gli stranieri fanno già fatica a riconoscere la regione, figuriamoci i distretti». 

Servono, dunque, visione d’insieme e continuità nella gestione; e ripartire da quella classe di operatori locali che ci crede e che, finora, è riuscita a far sparire le bruttezze con i giochi di prestigio dello spirito e dell’ironia tipicamente siculi. Chi conosce l’arte di arrangiarsi, la filosofia del disguido e la politica del sorriso, però, da solo non ce la fa. Per il salto di qualità occorre l’intervento delle governance locali e regionali e chi osserva il territorio dall’esterno potrebbe essere un ottimo consigliere. Le soluzioni, del resto, non mancano: per Chiriotti gli strumenti da mettere in campo sono «la comunicazione, la formazione interna, l’apertura di cantieri esterni, la selezione dei mercati più adatti e la definizione delle strategie migliori, con un imprescindibile primo passo da fare: l’abbandono del campanilismo, del localismo, da sostituirsi con una visione totalizzante del brand-Sicilia»; secondo Natale l’esempio da seguire è quello pugliese: «Aggregazioni tra imprenditori per creare veri e propri sistemi di accoglienza e una corretta utilizzazione dei finanziamenti europei: i roadshow nelle capitali europee sono un esempio tangibile, con due milioni di investimento e dieci di ritorno». E mentre i tour operator vedono il successo turistico a portata di mano e fanno va e vieni dall’isola per preparare pacchetti sempre più completi e competitivi, sullo sfondo c’è la Sicilia con le sue genti, disgrazia e sale di questa terra.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sandro Chiriotti è un enologo di Asti, Concezio Natale l'ad di una società irlandese che porta turisti british nell'Isola. Su cui entrambi hanno deciso di puntare. «I punti di forza li sappiamo, ma deve essere venduta in modo unitario: gli stranieri fanno già fatica a riconoscere la regione, figuriamoci i distretti»

Sandro Chiriotti è un enologo di Asti, Concezio Natale l'ad di una società irlandese che porta turisti british nell'Isola. Su cui entrambi hanno deciso di puntare. «I punti di forza li sappiamo, ma deve essere venduta in modo unitario: gli stranieri fanno già fatica a riconoscere la regione, figuriamoci i distretti»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]