Trovate alcune tracce sul cuscino della culla di Evan Tre accessi in ospedale: «La madre di certo sapeva»

La polizia scientifica ha trovato delle tracce che sarebbero di sangue sul cuscino della culla di Evanil bambino di Rosolini di 21 mesi morto per un forte trauma cranico che ha causato un arresto cardiocircolatorio all’ospedale Maggiore di Modica. Al nosocomio il piccolo era arrivato già in condizioni critiche con il corpo pieno di lividi, lesioni e fratture, come hanno poi confermato anche i primi esiti dell’autopsia. Attraverso l’utilizzo del luminol, durante il sopralluogo dello scorso venerdì 21 agosto, sono state scoperte delle tracce – che potrebbero essere ematiche  nonostante il cuscino risultasse già lavato con cura. «C’è stato un riscontro di alcune tracce ma non possiamo ancora sapere di cosa siano», precisa a MeridioNews l’avvocata Annamaria Campisi che difende Salvatore Blanco, il 32enne compagno convivente della madre del piccolo, la 23enne Letizia Spatola, che come lei si trova in carcere con l’accusa di omicidio volontario, lesioni e maltrattamenti in famiglia

Durante l’interrogatorio della gip, entrambi si sono proclamati estranei ai fatti. Blanco ha dichiarato di non avere «mai toccato il bambino» con cui ha detto di avere sempre avuto «un bellissimo rapporto». Spatola, invece, ha addebitato ogni accusa al compagno. «Sta ribadendo di essere stata plagiata dal convivente e di essersi sentita vittima», aggiunge la legale di Blanco. L’uomo continua a negare di avere mai fatto qualcosa sia al bimbo che a lei. Secondo la tesi della procura, però, entrambi sarebbero responsabili: la donna, infatti, non poteva non sapere che le violenze sul figlio andavano avanti già da tempo. 

Uno degli elementi a riprova di questa ipotesi sarebbero i diversi ingressi in ospedale degli ultimi tre mesi prima della morte di Evan. Un primo accesso è del 27 maggio. Il bambino arriva al nosocomio con una frattura al femore. La donna avrebbe giustificato tutto parlando di una caduta da un seggiolino (di quelli che si attaccano al tavolo per i pasti) e avrebbe anche raccontato di essersi ferita alle gambe nel tentativo di prenderlo. Blanco avrebbe invece riferito che al momento della caduta si trovava in bagno. Il bambino, per altro, non viene portato in ospedale lo stesso giorno della caduta ma solo successivamente. Una ferita che lascia sul corpo di Evan anche dei segni: il bambino, infatti, aveva anche difficoltà a camminare e si trascinava la gamba destra, come è evidente da alcuni video mostrati dalla nonna e dalla zia paterne.

Passano poco più di due settimane e, il 12 giugno, il bambino viene portato di nuovo in ospedale per delle ferite che si sarebbero infettate. Un terzo accesso ha la data del 6 luglio: il referto di Evan parla di una frattura alla clavicola. Su questo madre e convivente non hanno dato spiegazioni. Gli operatori sanitari notano anche lividi sul corpo del bambino. In uno di questi accessi, inoltre, la madre avrebbe anche abbandonato il bambino in ospedale. Da parte dei medici (sia del pronto soccorso che del dirigente medico del reparto di Ortopedia) pare fosse stata già fatta anche una segnalazione alle forze dell’ordine. Ulteriori chiarimenti sulla causa della morte e sulle dinamiche precedenti potranno arriva solo con gli esiti dell’esame autoptico: la medica legale Francesca Berlich ha 60 giorni di tempo (prorogabili per ulteriori accertamenti) per presentare la relazione. «Non possiamo pronunciare condanne – afferma l’avvocata Campisi – su fatti che ancora devono essere accertati». 

Intanto oggi è arrivato anche un chiarimento sull’esposto presentato dal padre di Evan, Stefano Lo Piccolo, lo scorso 6 agosto, undici giorni prima della morte del piccolo. Il procuratore aggiunto di Genova Francesco Pinto ha spiegato a Repubblica che «l’esposto, per stessa ammissione della persona che lo ha presentato, non conteneva evidenze probatorie». Per questo il fascicolo è stato iscritto a un modello relativo ad atti che non costituiscono reato e senza alcun nome sul registro degli indagati. Il giorno dopo, il pubblico ministero ha comunque disposto la trasmissione degli atti alla procura di competenza (quella di Siracusa) e la raccomandata è partita dal capoluogo ligure il 17 agosto. Lo stesso giorno in cui Evan è morto. Sono passati 15 giorni dalla presentazione dell’esposto da parte del padre (in cui c’era scritto pure: «Ho il timore che mio figlio sia vittima di violenze in famiglia») all’arrivo alla procura aretusea. 

«Non c’erano referti ospedalieri, né testimonianze dirette. Non avevamo informative di forze dell’ordine – sottolinea Pinto – Non ci poteva essere, da parte della nostra procura, la reale percezione della drammaticità della situazione, né a Genova potevamo conoscere i gravissimi episodi avvenuti in passato in Sicilia come i ripetuti ricoveri ospedalieri. Un conto – ha aggiunto il procuratore – è consegnare un esposto all’ufficio e poi aspettare che faccia il suo corso ordinario, un altro è illustrare fatti ritenuti molto gravi direttamente a un pubblico ministero». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]