Trivelle, un migliaio per la manifestazione a Licata Da Cassazione sì al referendum. «Ora moratoria»

«La reazione di tre-quattro comitatini». Matteo Renzi continuerà a descrivere così la presa di posizione dei cittadini rispetto alle politiche energetiche del governo e alle trivellazioni, dopo la manifestazione di ieri a Licata? Le stime numeriche sull’affluenza al corteo e le diverse letture politiche sono, al solito, controverse, tuttavia un dato risulta inequivocabile: tutta la comunità, adesso, si sente investita della questione. Secondo gli organizzatori, a scendere in piazza nella mattinata di ieri, sono state oltre mille persone, ma a prescindere dai numeri sono proprio le reazioni dei tanti e non di pochi a testimoniare che qualcosa è successo, che un evento ha scosso le coscienze della cittadinanza. 

Quando qualcosa non passa inosservato, è possibile accorgersene da impercettibili ma fondamentali movimenti: le casalinghe sui balconi, i negozianti sull’uscio della propria attività, il dibattito tra sconosciuti. Non servono i numeri dell’affluenza per poter affermare che il tema delle trivellazioni, ora, è patrimonio di tutti. «Lo scopo – afferma Marco Castrogiovanni, del comitato NoTriv di Licata – era trasmettere alla comunità locale un messaggio: la nostra battaglia non nasce e muore all’interno di un comitato, i territori si stanno mobilitando realmente. Abbiamo dimostrato come un gruppo di cittadini abbia avuto una ottima capacità di mobilitazione e abbiamo sicuramente centrato il nostro obiettivo». 

Nel frattempo anche a Roma il fronte del no alle trivelle incassa un altro risultato: la Cassazione, che avrebbe potuto bocciare in toto la proposta referendaria sul petrolio alla luce delle modifiche allo Sblocca Italia (il decreto che riguarda anche le trivellazioni) approvate in Parlamento, ha emesso una propria ordinanza con la quale approva il quesito sul divieto di attività petrolifere in mare entro le 12 miglia, di fatto lasciando in vita la possibilità di andare alla consultazione. La questione, dunque, resta aperta, e se adesso le Regioni solleveranno un conflitto di attribuzione nei confronti del Parlamento dinanzi alla Corte Costituzionale, la quale a sua volta potrebbe annullare le modifiche al decreto considerate elusive, gli italiani potranno essere chiamati alle urne per dire la loro sulle norme originarie, e di nuovo attuali, dello Sblocca Italia. 

In questo caso, infatti, tornerebbero a essere validi anche i quesiti sui quali la Cassazione aveva dato il proprio benestare a novembre. «Una partita tutta da giocare – continua Castrogiovanni – che, però, temo possa incidere solo da un punto di vista politico: gli effetti pratici, dato che alcuni permessi sono stati già concessi, sono tutti da capire. Lo strumento che noi caldeggiamo resta la moratoria, con la quale si potrebbe bloccare tutto in attesa degli esiti referendari, in modo da decidere successivamente agli stessi». 

Sta di fatto, comunque, che ieri a Licata il messaggio sia passato: cittadini, agricoltori, ambientalisti e pescatori erano in piazza in funzione di un bene comune, da difendere superando anche la diffidenza nei confronti di una possibile caratterizzazione politica che una manifestazione di questo tipo può suscitare. «È stato un ottimo punto di partenza – conclude Castrogiovanni – per pensare ai prossimi passaggi: sicuramente si dovrà formare una coalizione tra i vari sindaci dell’area per agire formalmente dinanzi al governo regionale. A tal proposito, interpretiamo la presenza dell’amministrazione comunale di Licata come una presa di posizione dalla quale scaturiranno atti concreti e immediati, se così non fosse dobbiamo ritenere che questa partecipazione sia stata solo un’adesione di facciata». 

E mentre il sindaco di Gela è stato espulso dal Movimento cinque stelle per ragioni che, in parte, riguardano la propria posizione in merito alle politiche ambientali, il sindaco di Licata non si è ancora pronunciato pubblicamente, limitandosi a partecipare alla manifestazione in maniera informale, senza fascia tricolore.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]