Teatro romano, ricostruzione in 3d dell’Ibam-Cnr Monumento riportato allo splendore del passato

Dopo l’anfiteatro anche il teatro romano di Catania torna al suo antico splendore, almeno virtualmente. Il sito archeologico, a cui si ha accesso da via Vittorio Emanuele II, è stato ricostruito in 3d grazie al lavoro di ricerca e sviluppo dell’Istituto per i Beni archeologi e monumentali (Ibam-Cnr). Fa parte del progetto OpenCiTy, che ha visto impegnati gli archeologi catanesi – coordinati da Giuseppe Cacciaguerra -, e gli esperti di archeologia virtuale dell’ITlab della sede di Lecce. 

La ricostruzione tridimensionale è basata sulle ricerche, che sono state focalizzate sulla fase architettonica più monumentale, quella tra il II-III secolo d. C., e hanno permesso di svelare un volto inedito dell’antico edificio, che nel corso dei secoli era finito con l’essere in parte inglobato e in parte soppiantato dalle abitazioni che sono state costruite nel corso del tempo. E che adesso è stato riportato alla luce, ed è visitabile, nella sua quasi interezza. 

L’obiettivo del progetto che ha visto partecipe l’Ibam-Cnr è promuovere la conoscenza di questo importante monumento, proponendo un’ipotesi ricostruttiva in grado di rendere chiare e tangibili le caratteristiche architettoniche e le logiche funzionali ma, al tempo stesso, capace di rievocare l’originario splendore di un edificio che, ancora oggi, rappresenta uno dei simboli della città di Catania durante il periodo romano.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento