Foto di Legambiente

La Sicilia è un gigante dai piedi d’argilla. Alluvioni, esondazioni e frane: «Colpa pure degli abusi edilizi»

La Sicilia è tra le regioni più colpite da allagamenti per piogge intense, esondazioni fluviali e frane negli ultimi anni, con una situazione particolarmente critica nelle città di Palermo e di Agrigento. È un dato che emerge dal Rapporto città clima 2023 speciale Alluvioni realizzato da Legambiente. «Troppo spesso – commentano dall’associazione ambientalista – la crisi climatica e gli eventi estremi sono serviti a giustificare una pessima gestione del territorio, a nascondere un eccessivo consumo di suolo e la mancanza di politiche coraggiose per fronteggiare il dissesto idrogeologico. Gli effetti sono sempre più violenti e l’urgenza di intervenire è sotto gli occhi di tutti». Specie nel Meridione, e in particolare nell’isola, l’emergenza climatica aggrava una situazione di rischio causata dall’abusivismo edilizio in aree già pericolose. Poche demolizioni e tanti colpevoli rimasti impuniti.

Il primato di Palermo e Agrigento

L’Italia è tra i Paesi più esposti ai rischi idrogeologici di tutto il continente europeo, tanto da guadagnarsi l’appellativo di gigante dai piedi d’argilla. Dal 2010 al 31 ottobre del 2023 – l’arco temporale preso in considerazione dal report di Legambiente – sono stati registrati dalla mappa dell’osservatorio Città Clima 684 allagamenti da piogge intense, 166 esondazioni fluviali e 86 frane dovute a piogge intense, che rappresentano il 49,1 per cento degli eventi. Tra le regioni più colpite dalle alluvioni c’è la Sicilia (insieme a Lazio, Lombardia ed Emilia-Romagna); mentre tra le grandi città spiccano Agrigento (con 15 episodi) e Palermo (con 12 casi), oltre a Roma, Genova e Napoli. Tra i territori maggiormente interessati dalle esondazioni fluviali, c’è anche Sciacca (in provincia di Agrigento) con quattro casi. Peggio fa solo la città di Milano, dove le esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro in questi anni sono state circa una ventina, di cui l’ultima a fine ottobre.

Il caso messinese

I circoli di Legambiente del Messinese, dopo avere esaminato le trasformazioni del territorio degli ultimi anni e analizzato le conseguenze disastrose, hanno lanciato l’allarme sul rischio per l’incolumità della popolazione in caso di piogge abbondanti, soprattutto nel periodo autunnale. Fenomeni che non sono dovuti soltanto ai fattori climatici ma soprattutto a «errori antropici che hanno provocato un dissesto generalizzato», come si legge nel report. In particolare, sono i territori collinari di Santa Lucia e San Filippo a essere interessati dal dissesto idrologico e idrogeologico. Una situazione che, stando a quanto messo nero su bianco dagli ambientalisti, dipenderebbe da «cattiva regimentazione delle acque meteoriche, disboscamento, assenza di vasche di drenaggio di saie e casse di espansione. Per questo – sottolineano – è necessario un attento lavoro di analisi e un vasto intervento di ripristino degli equilibri idrologici ed idrogeologici».

Eventi estremi e anomali

L’inverno 2021-22 è stato dichiarato dalla Società meteorologica italiana «tra i più estremi mai registrati in termini di caldo e deficit di precipitazioni». Che, oltre a essere scarse, sono state anche anomale: più del 20 per cento di precipitazioni in più rispetto alle medie si sono verificate in gran parte della Sicilia. Tra i casi più gravi ci sono quelli della fine di ottobre del 2021 quando nella parte orientale dell’isola furono raggiunti oltre 250 millilitri di pioggia in poche ore. Un ‘eccezionale ondata di maltempo che ha coinvolto soprattutto le province di Catania, Messina e Siracusa provocando anche tre morti: marito e moglie a bordo di un’auto lungo le strade trasformate in fiumi a Scordia (nel Catenese) e un uomo rimasto incastrato sotto una macchina a Gravina di Catania.

Il dimezzamento del governo e le proposte di Legambiente

«In un quadro come quello appena descritto – è il commento di Legambiente – stupisce la decisione da parte del governo Meloni di rimodulare il Pnrr (il Piano nazionale di ripresa e resilienza, ndr) con il dimezzamento delle somme destinate a contrastare il dissesto idrogeologico». Si è passati, infatti, da 2,49 miliardi a 1,203 miliardi, in un Paese dove si sono spesi in media oltre 1,25 miliardi l’anno per la gestione delle emergenze. «È urgente definire una nuova governance che abbia una visione più ampia di conoscenza, pianificazione e controllo del territorio. Quattro sono le priorità da cui ripartire – concludo dall’associazione ambientalista – serve approvare il Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (Pnac), una legge contro il consumo di suolo, superare la logica dell’emergenza agendo invece sulla prevenzione, definire una regia unica da parte delle Autorità di bacino distrettuale che preveda anche una maggiore collaborazione tra gli enti».


Dalla stessa categoria

I più letti

La Sicilia è tra le regioni più colpite da allagamenti per piogge intense, esondazioni fluviali e frane negli ultimi anni, con una situazione particolarmente critica nelle città di Palermo e di Agrigento. È un dato che emerge dal Rapporto città clima 2023 speciale Alluvioni realizzato da Legambiente. «Troppo spesso – commentano dall’associazione ambientalista – la […]

La Sicilia è tra le regioni più colpite da allagamenti per piogge intense, esondazioni fluviali e frane negli ultimi anni, con una situazione particolarmente critica nelle città di Palermo e di Agrigento. È un dato che emerge dal Rapporto città clima 2023 speciale Alluvioni realizzato da Legambiente. «Troppo spesso – commentano dall’associazione ambientalista – la […]

La Sicilia è tra le regioni più colpite da allagamenti per piogge intense, esondazioni fluviali e frane negli ultimi anni, con una situazione particolarmente critica nelle città di Palermo e di Agrigento. È un dato che emerge dal Rapporto città clima 2023 speciale Alluvioni realizzato da Legambiente. «Troppo spesso – commentano dall’associazione ambientalista – la […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]