See Sicily, la Regione sonda il mercato per la comunicazione Pronto affidamento da 110mila euro per promuovere voucher

Promuovere la Sicilia come «meta ideale» per le vacanze rilanciando il comparto del turismo durante «la fase post emergenziale Covid-19». È questo il punto saliente di See Sicily, il piano di promozione ideato dal governo del presidente Nello Musumeci con l’assessorato allo Sport e Turismo guidato dall’assessore Manlio Messina. Il programma si articola su dei voucher messi a disposizione attraverso delle agenzie che permettono ai vacanzieri che prenotano almeno tre notti in strutture convenzionate di averne una in omaggio. Previste delle agevolazioni per escursioni e visite guidate ma anche una decurtazione del 50 per cento sul prezzo dei biglietti di navi e aerei per raggiungere l’Isola. La Regione, nel 2021, aveva previsto una somma di 5 milioni di euro per la comunicazione con un avviso da 75mila euro per cercare un’agenzia a cui affidare la campagna. Anche per quest’anno si è deciso di procedere con la medesima modalità aumentando però l’importo dell’avviso fino a 110mila euro (più Iva). Dopo la valutazione delle proposte, che potranno essere inviate entro il 6 maggio, la Regione procederà all’affidamento diretto.

Nell’ambito di quella che tecnicamente viene definita un’indagine di mercato, gli uffici terranno conto di una serie di indicatori. Dalla «rispondenza della proposta agli obiettivi prefissati», passando per la «creatività e originalità» e «l’esperienza dei soggetti costituenti il team da comprovare con i curricula dei singoli». Il servizio, inoltre, avrà una durata di sette mesi a partire dalla sottoscrizione del contratto. Per partecipare bisognerà essere iscritti al Mercato elettronico della pubblica amministrazione (Mepa). Le aziende di comunicazioni dovranno avere all’attivo almeno cinque progetti «di comunicazione digital e offline» nello «specifico campo della promozione turistica nell’ultimo quinquennio». C’è anche il nodo del fatturato: per prendere parte all’indagine di mercato, bisognerà avere messo in conto per le vendite una cifra media annua di 150mila euro nei cinque anni 2016-2021. 

Nel capitolato tecnico è previsto, come si legge nel documento, anche un extra budget di 40mila euro «da destinare all’acquisto di spazi pubblicitari tradizionali, ovvero costi relativi alla pubblicazione di inserzioni sui principali social network». Tra le curiosità dell’affidamento compare pure la realizzazione di iniziative con cinque blogger o influencer «che trattino di turismo e viaggi» su Facebook, Tik Tok e Instagram. Il loro ingaggio, precisa il documento, «è ricompreso nel costo del servizio oggetto dell’affidamento». 

Nei mesi scorsi, la Regione aveva già stanziato altre somme per pubblicizzare See Sicily. A febbraio, la dirigente generale Lucia Di Fatta aveva firmato un decreto per la campagna promozionale all’interno di Casa Sanremo, ossia l’area hospitality del festival della canzone italiana. Un impregno complessivo di 59mila euro per «prolungare la visibilità del programma See Sicily», si legge nel decreto. Un documento più recente, datato 15 marzo, ha impegnato invece 1,5 milioni di euro per trasmettere gli spot sui principali network televisivi nazionali. Alla Rai andranno 427mila euro, stessa cifra per le reti private Mediaset. Per la piattaforma Sky 244mila euro mentre per 122mila euro per La7, Canale 9 e Tv2000 per l’importanza di quest’ultima nel «segmento del turismo religioso». Sono ormai confinate al 2020 le polemiche e le accuse di plagio sul logo Visit Sicily. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]